Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Il sogno diventa realtà

Butterfly saggio 2018 (7)

Con “Ballerina” si chiude l’anno sportivo della Butterfly Palestra

La serata ha fatto palpitare i cuori di tutti i presenti, l’atmosfera quasi surreale data dall’incantevole scenario dei giardini di Dimora Mazzarò, in contrasto con i nuvoloni dall’orizzonte e il forte vento che faceva muovere e fremere foglie e natura circostante, hanno solo ampliato la suspence dei presenti.

Genitori, nonni, zii, amici, seduti o in piedi, tutti pronti ad assistere, nella serata di venerdì 8 giugno, ai passi preparati dalle classi di danza delle insegnanti Maria Carenza, Clementina Campanella e Monica Lefemine, assieme per far assistere la platea allo spettacolo “Ballerina”.

L’ansia poteva tagliarsi con il coltello, dietro le quinte , lì dove, immancabilmente, si cercava di rimediare a qualche piccolo problema dell’ultimo minuto e si attendeva il momento più atteso. Poi, sistemate le acconciature, ritoccato il trucco, calzate le scarpette da ballo e indossato il sorriso più bello, tutte pronte per andare in scena.

È Antonella Sumerano a prendere la parola e dare il benvenuto allo spettacolo di fine anno sportivo dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Palestra Butterfly.

Minuto dopo minuto, dalle più piccole alle più grandi, è stato il riscatto sociale, personale e professionale quello che è stato rappresentato. In punta di piedi è stato compreso quanto sia importante la forza di un sogno, quando questo è mosso dalla passione e dall’impegno. Non il rango sociale, non le ricchezze familiari, non le firme indossate possono premiare una persona; bensì la sua forza e il suo coraggio a non arrendersi.

Impegno e costanza sono stati gli ingredienti che hanno coinvolto ogni persona presente sul palco, avanti o dietro le quinte, dalla più piccola alla più grande. Ognuno di loro è protagonista di questa bellissima storia che insegna a tutti a non rinunciare mai ai propri sogni.

Grande è stato l’impegno di ogni ballerina, degli attori che si sono prodigati in questi mesi nel raccontare e preparare lo spettacolo e degli allievi di D.A.R.T. di Olimpia Pascale di Putignano, che hanno preso parte allo spettacolo. Doveroso, però, spendere un plauso particolare a una ballerina e attrice che, presente in scena dal primo all’ultimo minuto, ha ben raccontato Félicie, Rebecca Carenza, impeccabile in ogni passo eseguito, concentrata e attenta in ogni parola recitata. Un lavoro straordinario, al quale va dato merito assieme a quello di ogni ballerina, esperta o ancora al suo primo anno, e sicuramente a chi ha speso tempo e passione come le loro insegnanti Clementina, Maria e Monica.

“Non possiamo non ringraziare voi genitori per il vostro impegno e la vostra fiducia” - hanno commentato gli organizzatori e dirigenti della Palestra, Giuseppina Ciprino e Antonio Lefemine. Da sottolineare il grandissimo ed instancabile impegno organizzativo di Monica Lefemine.

“Un Grandissimo grazie va al direttore della struttura Dimora Mazzarò, che con grande entusiasmo ci ha accolto nuovamente nella sua splendida sala. Non possiamo non ringraziare Sud System Service e Gianstefano Impedovo che rinnova la sua collaborazione con noi. Grazie ancora a tutti gli sponsor e coloro che hanno contribuito in vario modo alla buona riuscita della serata”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI