Domenica 24 Giugno 2018
   
Text Size

'Senza Zaino', inaugurato il nuovo anno

Scuola Senza Zaina Turi 2018 (3)

Una festa per chi già ne fa parte, una festa per chi ci sarà. Se ancora qualche dubbio ne avevano, con l’inaugurazione del nuovo anno della "Scuola Senza Zaino", lo scorso 21 maggio si è raccontato tutto quello che rappresenta questa nuova scelta scolastica per gli studenti di Turi.

Presso la palestra dell’Istituto Comprensivo “Resta - De Donato Giannini”, i piccoli delle prime tre classi della "Scuola Senza Zaino" hanno intonato un inno di benvenuto a tutti i presenti, i loro genitori e parenti, i familiari di chi da settembre conoscerà le nuove aule, alle autorità locali e agli sponsor, senza i quali non sarebbe stato possibile realizzare il progetto. Entusiasmo e grande sostegno da parte di chi, negli anni scorsi, ha scelto il nuovo metodo scolastico che porta la scuola turese a scrivere il suo nome tra le scuole italiane che hanno abbracciato il modello montessoriano di "imparare facendo".

Immagini e parole dei veri protagonisti, i bambini, tanti grembiulini blu che attraverso le foto proiettate e i pensieri espressi hanno raccontato la loro giornata. Niente banchi, niente cattedra, tanta creatività e diversi metodi per imparare. Intorno a isole didattiche si apprende; con regoli, strumenti e materiali si conosce. Responsabilità è la parola che più volte è risuonata nella palestra, espressa da chi oggi guarda al proprio figlio con orgoglio per la scelta compiuta.

A sedere al fianco della dirigente scolastica Patrizia Savino, il dirigente di ieri, Ferdinando Brienza, ma anche don Giovanni Amodio, il vice commissario, rappresentanti politici della passata amministrazione politica, la professoressa Maria Paola Pietropaolo, referente regionale della "Scuola Senza Zaino", le insegnanti e soprattutto loro, i genitori e i bambini. Guidati dall'insegnante Isabella Coppi, referente scolastica del progetto, che ha accompagnato gli interventi dei presenti e lasciato spazio alla musica e alle note dirette dal professor Ino Resta e del Coro dell’Istituto.

“Noi con voi" cantata con partecipazione da tutti i presenti ha lasciato spazio alle parole di alcuni degli sponsor locali che hanno aderito a questo progetto. “Questo è il sostegno che do con maggiore fierezza, perché rivolto a far crescere voi, che sin da piccoli imparate a lavorare in team. È un'esperienza che mi impegnerò a sostenere”- ha commentato uno degli imprenditori presenti, dando la parola anche agli altri sponsor che hanno sottolineato come questo sia uno dei gesti più meritevoli, perché “la scuola è educazione, anche fuori delle sue mura”.Tanti gli imprenditori turesi che si sono impegnati a dare una mano ai genitori ed alla scuola turese, che anche nella stagione estiva ha colorato e arredato le aule dei propri figli.

“Abbiamo sperato tanto, e la realtà ha superato ogni nostra aspettativa”- ha ancora aggiunto Isabella Coppi che ha posto l'accento sulle parole chiave del metodo “ospitalità, responsabilità e comunità”, come appunto hanno dimostrato i piccoli già impegnati nel corso dell'anno scolastico. Ecco che l'ultima parola è andata a Giusy Caldararo, insegnante ed ex amministratore, che ha spronato le famiglie a farsi portatrici di messaggi che siano certi e veri di quanto di bello si fa e dà la scuola, affinché i genitori di domani possano basare le loro scelte su quanto di vero è stato trasmesso. La mattinata è proseguita con un buffet e una visita presso le aule della "Scuola Senza Zaino".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI