Giovedì 24 Maggio 2018
   
Text Size

La festa della continuità

IMG_20180508_120947

Continuità come un cammino collettivo che, seguendo percorsi diversi, approda allo stesso traguardo: permettere ai bambini di oggi, i cittadini di domani, di stare bene e vivere il mondo-scuola come un’occasione di crescita individuale ma anche di condivisione e di inclusione.

Continuità come consapevolezza del senso di appartenenza, di ciò che l’istituzione scuola mette “in gioco” per dare a tutti in pari misura ma in base alle singole necessità; continuità come scambio di metodologie-contenuti-strategie tra docenti diversi, ma uguali negli obiettivi che perseguono: superare lo stereotipo del solo contenuto per soffermarsi sulle abilità e competenze, ciò che veramente ognuno “rimette in movimento” ogni volta che si affronta una nuova sfida.

Ma lo sappiamo, per i bambini il passaggio dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Primaria è un importantissimo momento di crescita personale e sociale. Si ritiene che dare importanza al cambiamento e renderli attori protagonisti attraverso attività esperienziali in maniera condivisa siano elementi importanti per il vissuto scolastico presente e futuro.

È su questo percorso che l’Istituto Comprensivo di Turi, nelle mattine di lunedì 7 e martedì 8 maggio, ha coinvolto i bambini del terzo anno della Scuola dell'Infanzia che, accompagnati dalle loro docenti, hanno incontrato i bambini della Scuola Primaria. Un incontro a porte chiuse, che ha voluto coinvolgere i soli attori di questo importante momento di crescita: gli studenti di oggi e di domani.

Passeggiando nei luoghi che dal prossimo anno scolastico saranno la loro casa, i quinquenni hanno regalato e si sono fatti donare tanto entusiasmo e felicità. Musica e poesia, per aprire la mattinata, con canzoncine e pensieri propri dei più piccoli. Sorridenti ed emozionati, tanti grembiulini bianchi hanno salutato i grembiulini blu, scambiandosi doni realizzati personalmente per l'occasione. Poi un giro tra le classi, tra quei banchi in cui da settembre siederanno e che li vedranno crescere e formarsi verso il percorso dell’indipendenza. Curiosità e fiducia, volontà e passioni, intraprendenza e conoscenza, il tutto per far crescere nuovi cittadini.

Un inizio, o meglio una prefazione di quello che li attende da settembre, con nuovi compagni, nuovi insegnanti, ma sicuramente la stessa felicità.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI