Giovedì 18 Ottobre 2018
   
Text Size

L’equilibrio di Bilancio e il rispetto delle tempistiche

Sulle orme di Aldo Moro

Penultimo appuntamento del percorso formativo “Sulle orme di Aldo Moro”

Giovedì 26 aprile, presso il Centro culturale polivalente, si è tenuto il nuovo appuntamento del percorso formativo “Sulle orme di Aldo Moro… La conoscenza alla base di una buona amministrazione”. Stavolta ad intervenire insieme al presidente del centro Studi Aldo Moro, Domenico Leogrande, sono stati Vito Valentini, Presidente del Consiglio comunale del Comune di Putignano, e Angela Perilli, Direttore di Ragioneria del medesimo comune.

L’argomento di questo incontro ha riguardato vari aspetti importanti sia nell’ambito politico che amministrativo; in particolar modo si è dibattuto sul ruolo di garanzia del Presidente all’interno del Consiglio comunale e sull’importanza di una buona gestione dei servizi finanziari per la raggiunta ottimale dell’equilibrio economico nel Comune.

Per quanto riguarda il primo aspetto, oltre ai vari compiti svolti dal Presidente del Consiglio, ci si è soffermati sulla necessità della presenza di questa figura, soprattutto nei comuni piccoli come quello di Turi, seppure i suoi compiti siano ignoti alla maggior parte dei cittadini. Infatti, il Presidente non solo si occupa di decidere la data di convocazione del Consiglio e di approntare i relativi ordini del giorno, ma funge da principale intermediario tra la discussione tecnica della commissione e quella politica dell'assise. Tale intermediazione è rilevante al fine di evitare che, in ambedue i casi, si possa trascendere lo specifico ambito d’interesse e perdere tempo su questioni futili, ritardando così l’approvazione di decisioni importanti. Inoltre, il Presidente ha anche l’obbligo di controllo della documentazione del Bilancio comunale, impegnandosi affinché quest’ultima venga consegnata nei tempi ottimali, in quanto approvare un Bilancio oltre le scadenze è deleterio per la raggiunta dell’equilibrio economico. In sostanza, la figura del Presidente del Consiglio rappresenta una maggior tutela per il Comune, in quanto è determinante per le tempistiche politiche e amministrative del paese, soprattutto in casi dove il sindaco è impegnato nel risolvere altre questioni di maggior urgenza.

Nella seconda parte dell’incontro la discussione si è spostata sulla struttura del Bilancio comunale e sulla necessità di approvarlo nei tempi utili, al fine di garantire un equilibrio tra le entrate e le uscite e in modo da evitare disavanzi di amministrazione o, nei casi più gravi, la formazione del debito pubblico. Infine, un particolare approfondimento è stato dato al fenomeno che ha investito Turi nell’ultimo bilancio: l’avanzo di amministrazione, troppo eccessivo. Ciò ha aperto un’ampia discussione sugli aspetti positivi e negativi di tale fenomeno: se da un lato avere un avanzo minimo può aiutare nel pareggio del Bilancio successivo; un avanzo troppo eccessivo, al contrario, è sinonimo di una mancata e inadeguata gestione delle spese.

ROBERTA LOBASCIO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI