Sabato 26 Maggio 2018
   
Text Size

Terzo incontro “Sulle orme di Aldo Moro”

Francesco Mancini incontro Moro (1)

L’importanza di una buona conoscenza per poter interagire con la politica

Giovedì 19 aprile l’importante iniziativa "Sulle orme di Aldo Moro… La conoscenza alla base della buona amministrazione", presso il Centro culturale polivalente, è giunta al suo terzo incontro. Stavolta ad intervenire, insieme al Presidente del Centro studi "Aldo Moro", prof Domenico Leogrande, sono stati il dott. Francesco Mancini, Segretario comunale del Comune di Turi e l'ing. Giuseppe Di Bonaventura, Responsabile dell’Ufficio tecnico. L’argomento di questa sessione ha preso come principale riferimento gli atti, gli organi amministrativi, le opere pubbliche e la pianificazione del territorio. Una questione abbastanza complessa, che ha richiesto moltissima attenzione da parte dei cittadini presenti, tanto che molto probabilmente si deciderà di organizzare un altro appuntamento di approfondimento sul tema in questione. Francesco Mancini incontro Moro (2)

Nella prima parte dell'incontro si è parlato di quanto sia necessario, al giorno d’oggi, per il cittadino conoscere l’ambiente politico e amministrativo locale che lo circonda: una cattiva gestione può essere individuata - e soprattutto contrastata - solo se si è in grado di riconoscere eventuali anomalie commesse dall'ente pubblico. La conoscenza, quindi, è uno strumento importante per il cittadino in quanto oltre a consentire di formare una propria coscienza politica, permette di interagire attivamente nelle dinamiche del paese. Per questo, conoscere gli atti e le decisioni assunte dall'amministrazione, oltre ad essere un diritto importante per il cittadino, che può usufruirne grazie al principio di trasparenza, è anche un dovere necessario per rendere la situazione politica meno ingessata.

Si è discusso anche delle eventuali problematiche di quest’ultimo aspetto: sebbene il cittadino, al giorno d’oggi, sia riempito costantemente di dati da poter liberamente consultare in qualsiasi momento, non ha gli strumenti adatti per poterli interpretare. Il sistema dei dati messi a disposizione è, infatti, troppo complesso e indecifrabile e ciò porta ad accentuare il divario di incomunicabilità tra cittadini ed organi istituzionali. Per questo l’incontro è stata una occasione importante per approfondire gli atti emanati dagli organi decisionali, ma anche per comprendere in toto i dati trasparenti e quelli coperti dal segreto per legge. Infine, si è approfondito il ruolo del Comune in caso di errori di calcolo sulle tasse, come ad esempio la Tari, chiarendo i vari profili del principio di autotutela, necessario per rimediare a tali anomalie. Principio fondamentale che può essere sintetizzato come "la capacità riconosciuta dall’ordinamento all’amministrazione di riesaminare criticamente la propria attività, in vista dell’esigenza di assicurare il più efficace perseguimento dell’interesse pubblico".

ROBERTA LOBASCIO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI