Mercoledì 18 Luglio 2018
   
Text Size

Prospettive e opportunità di aggregazione e di crescita

Casa delle Idee Turi (1)

Oltre 100mila euro per migliorare il laboratorio urbano “Casa delle Idee”

Si è svolto nel pomeriggio del 3 marzo, presso la Sala Conferenze di Casa delle Idee, l’evento illustrativo promosso dal Comune di Turi in collaborazione con l’Associazione Casa delle Idee, che ha avuto l’obiettivo di presentare alla cittadinanza le idee progettuali volte alla partecipazione all’Avviso Pubblico Regionale “Laboratori Urbani in Rete 2017”.

In particolare, il bando a cui il Comune di Turi sta partecipando è così intitolato: “Avviso pubblico per la realizzazione di interventi di adeguamento strumentale e strutturale dei laboratori urbani per lo sviluppo di attività sociali, di produzioni creative e culturali, di aggregazione giovanile e di educazione alla legalità - laboratori urbani in rete 2017"

Dal titolo quindi è possibile già capire che l’intento del Comune, e dei gestori di Casa delle Idee, è quello di migliorare ancora di più il laboratorio urbano sito all’interno dei locali del Convento delle Clarisse di Piazza Gonnelli.

Il progetto per partecipare al bando era già in lavorazione, ma questo incontro è stato utilissimo per i progettisti, che possono ora avvalersi delle preziose informazioni e richieste dei cittadini che, gestori o non del centro, hanno potuto dire la propria durante l’evento. In poche parole, presentando un progetto ben definito, sarà possibile beneficiare di un contributo compreso fra 50mila e 150mila euro (a seconda del progetto presentato).

Casa delle Idee Turi (2)

Il progetto in atto che verrà presentato supererà sicuramente i 100mila euro, poiché tra le varie opere di miglioramento “minori” inserite, c’è una grossa fetta economica legata al restauro dell’unica stanza attualmente inagibile situata all’interno del laboratorio urbano. Si tratta della stanza nella quale sono stati ritrovati dei reperti archeologici dell’epoca Peuceta durante gli ultimi lavori effettuati in loco (stanza chiusa al pubblico, dietro all’ascensore situato all’ingresso della biblioteca).

Il restauro di questa stanza servirà per valorizzare ancor di più il laboratorio urbano Casa delle Idee e per incrementare l’attrattiva turistica del territorio turese: con la riscoperta della zona archeologica, si potranno creare laboratori didattici con le associazioni e le scuole, oltre a tutto quello che a livello turistico si potrà creare, anche in rete con le altre attrattive turistiche di Turi.

Tra le varie proposte di miglioramento dei cittadini è spuntata la necessità di coprire il Chiostro delle Clarisse, dato che le intemperie hanno spesso e volentieri recato non pochi problemi all’interno del laboratorio urbano, con allagamenti e deterioramento delle strutture interne. La copertura è stata presa in considerazione e segnalata agli addetti ai lavori, ma molto probabilmente verrà inserita nella partecipazione ad un altro bando, dato che inserendola in questo, si rischierebbe di sforare il budget massimo dei 150 mila euro richiedibili. Verranno però valutate delle soluzioni alternative (ad esempio delle grate per il deflusso dell’acqua piovana) da inserire in questo progetto.

Notizia degli ultimissimi giorni è quella della proroga del termine di scadenza di questo Avviso Pubblico. Precedentemente bisognava presentare i progetti entro e non oltre il 9 marzo, mentre ora il termine è fissato per il 20 marzo, fattore che dà ai progettisti qualche giorno in più per lavorare meglio al progetto.

Ci auguriamo ovviamente di vincere questo bando, e di vedere presto l’area archeologica (ri)prendere vita.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI