Domenica 27 Maggio 2018
   
Text Size

Dacia Maraini torna a Turi grazie a Didiario

Dacia Maraini - Turi 2018 (6)

La scrittrice ha presentato “Tre donne”, il suo ultimo romanzo

Dacia Maraini ci ha preso gusto a farci visita. Ebbene sì, la famosa scrittrice è tornata a Turi per la terza volta, in occasione dell’anteprima della settima edizione di Didiario. In passato l’autrice è venuta a trovarci in altre due occasioni: la prima, il 19 marzo 2015, quando era ancora in attività la ormai storica “Libreria Eleutera”, presentando il libro “Chiara D'Assisi”. La seconda, il 3 dicembre 2016, in veste di madrina dell’inaugurazione della “Casa delle Idee”, quando presentò “La bambina e il sognatore”.

Questa volta, nella cornice della "Casa delle Idee", la scrittrice, assieme ad Alina Laruccia e al Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Puglia Rosy Paparella, ha presentato il suo ultimo libro: “Tre donne”.

Le protagoniste di questo romanzo sono Gesuina, Maria e Lori. Nonna, madre e figlia, sono forzate dalle circostanze a vivere sotto lo stesso tetto, in una casa stregata dall’assenza prolungata di una persona di sesso maschile. Gesuina ha più di sessant’anni e un'innata curiosità sui giochi di amore. Inoltre, è molto aperta e curiosa verso il mondo. Maria, invece, vorrebbe fuggire dalla realtà, con i suoi occhi persi tra le carte di traduttrice e i sentimenti rivolti a un altrove molto lontano da lei. Il ponte tra i loro due mondi è Lori, sedici anni di confusione e ribellione. La vita di queste tre donne va avanti grazie a un fragile equilibrio. Il quadro si rompe quando nella vita delle tre donne irrompe un uomo.

Il libro è stato ben accolto dal nutrito numero di curiosi che ha voluto partecipare alla conferenza, ci sono stati infatti molti ospiti provenienti da città limitrofe quali Bari, Noci, Monopoli, Putignano, Castellana e Casamassima. Gli spettatori, seguendo la scia naturale lasciata dai bambini già incontrati dall’autrice, sono intervenuti più volte durante la conferenza di presentazione, rivolgendo molte domande ai relatori.

Dacia Maraini si è detta molto contenta dell’accoglienza ricevuta e le è piaciuto molto come la "Casa delle Idee" si sia sviluppata, con uno spazio dedicato all’apprendimento dei ragazzi, quale l’Aula Studio, uno spazio per la musica, e uno spazio per le presentazioni letterarie.

La scrittrice è inserita in maniera permanente all’interno della rassegna di Didiario e la rivedremo sicuramente anche l’anno prossimo. La salutiamo quindi con un arrivederci, con umiltà e con un grazie speciale da parte della comunità turese.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI