Mercoledì 15 Agosto 2018
   
Text Size

Il Miracolo di Super Claus

Turi - Saggio Butterfly (24)

Con l’ASD Butterfly Palestra si affronta il tema del bullismo

Un cambio di location dell’ultimo minuto, una variazione inaspettata che ha costretto a far tappa nella vicina Putignano, uno spettacolo per tutta la famiglia in grado di emozionare e far riflettere.

È lo spettacolo di Natale dell’A.S.D. Palestra Butterfly che nella serata del 27 dicembre, presso la Casa di Riposo “Carmela Di Brindisi Valentini”, ha portato in scena “Il Miracolo di Super Claus".

Emozionate le allieve delle insegnanti Maria Carenza, Clementina Campanella e Monica Lefemine che, superando l'iniziale disagio, hanno regalato un recital che ha conquistato tutti i presenti facendoli riflettere sul vero senso del Natale.

Natale non è un regalo tanto atteso, un vestito all’ultima moda, una spesa folle. Natale è donarsi; Natale è condividere; Natale è solidarietà; Natale è amore. È su questi temi che quest’anno l’ASD Palestra Butterfly ha preparato e ha portato in scena il Miracolo di Super Claus.

È a Turi che ambientano le scene, ma è un paese come tanti dove ogni giorno, spesso lontano dagli sguardi di tutti, si verificano episodi che coinvolgono anche i più piccoli. Tv e giornali riportano ormai quasi quotidianamente episodi di bullismo tra ragazzi e studenti di ogni età. Cos’è il bullismo? Come fare a riconoscerlo? E soprattutto, come comportarsi per prevenire e contrastare tali fenomeni?

Il bullismo interessa purtroppo bambini e ragazzi (sia maschi che femmine) dai 7 ai 18 anni, andando a toccare gli anni delle scuole elementari, medie e superiori. Si caratterizza per provocazioni e violenze verbali e fisiche perpetrate a danno di uno stesso soggetto per un periodo di tempo più o meno prolungato. Quando uno scherzo o una presa in giro diventa un accanimento costante e prolungato, tale da condizionare la vita quotidiana di bambini e ragazzi, si parla di bullismo, un fenomeno caratterizzato da dinamiche di violenza fisica e verbale con ripercussioni pesanti. Il bullismo, secondo alcune inchieste, è diffuso in maniera capillare, tanto da coinvolgere, almeno una volta nella vita, addirittura il 41% dei bambini italiani. Spintoni e insulti non avvengono solo all’interno dei corridoi e delle aule scolastiche, al contrario possono riguardare anche altri luoghi pubblici come giardini, parchi, cortili…

Come impedire che avvengano? Come fermarli? Come aiutare le povere vittime? Con le allieve della Butterfly e l’aiuto di un personaggio speciale una lacrima ha lasciato spazio al sorriso e la paura è vinta dalla felicità.

“Non possiamo non ringraziare voi genitori per il vostro impegno e la vostra fiducia; grazie al costante ed instancabile impegno organizzativo di Monica Lefemine e ai dirigenti Giuseppina Ciprino e Antonio Lefemine.

Un grandissimo grazie va al Direttore della struttura Giuseppe Gravinese che, col suo grande cuore e con grande entusiasmo, ci ha accolto nella sua struttura. Grazie, grazie, grazie per la fiducia dimostrataci. Non possiamo non ringraziare anche tutto lo staff della Casa di Riposo “Carmela Di Brindisi Valentini” e tutti gli ospiti che ci hanno accolto nella loro casa. Grazie a voi!
Grazie a Nino Sicuro per il supporto tecnico e a Ilaria Arrè per la sua disponibilità”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI