Venerdì 15 Dicembre 2017
   
Text Size

Il primo bilancio del Comitato A.D. 1967

logo comitato AD 1967 Turi


A breve l'acquisto di defibrillatori esterni e l'organizzazione di corsi per il loro corretto utilizzo.
Prevista anche la piantumazione di piante ad alto fusto per gli spazi verdi di Turi

A nome del Comitato A.D. 1967, che ho l'onore di presiedere, ringrazio tutti coloro che ci hanno sostenuto in questa incredibile avventura, che è tutt'ora in corso.
Un grazie va a tutti nostri sostenitori, dal più piccolo al più grande.
Un grazie particolare va alla ditta ARRE' FORMAGGI, che, con grande senso di responsabilità e generosità, si è impegnata ad acquistare un defibrillatore da donare alla collettività turese. Ma un grazie immenso va anche ad una BIMBA che ci ha donato TUTTO ciò che aveva (un euro e quaranta centesimi).
Un grazie va ai tanti amici, che, pur non essendo di Turi e, quindi, non beneficiari diretti dell'iniziativa, hanno aderito con entusiasmo.
Un grazie va alla Nuova Pro Loco di Turi ed all'Associazione "Amici del Cuore" di Altamura, che ci hanno sempre sostenuto e supportato.
Un grazie va anche a tutti i miei compagni di viaggio, che si sono prodigati per la raccolta fondi, mettendoci davvero il cuore.

La nostra MISSION, lo ricorderanno in molti, è quella di “Dotare la popolazione di uno o più defibrillatori semiautomatici esterni e/o di altri strumenti salva vita, promuovendo un cultura cardiologica di base e/o di primo soccorso".
Nel contempo, con grande umiltà, ci siamo arrogati il compito di evidenziare l'importanza dell'attività di prevenzione, anche e soprattutto attraverso la formazione alle manovre salvavita, in caso di arresto cardiaco, e della necessità di spronare il maggior numero di cittadini a seguire un Corso di Formazione per l'abilitazione alle corrette tecniche rianimatorie, attraverso il massaggio cardiaco e l'uso del defibrillatore.

Ora è giunto il tempo di fare un primo bilancio.
Grazie a tutti noi, è stata raccolta la complessiva somma di Euro 6.500,00 (seimilacinquecento euro e zero centesimi).
La detta somma sarà interamente utilizzata per al perseguimento dei nostri obiettivi:
- acquistare uno o più defibrillatori da donare alla collettività turese;
- organizzare corsi per l'utilizzo degli stessi;
- acquistare piante ad alto fusto per i nostri spazi verdi.
È allo studio l'individuazione di siti idonei ove allocare le piante ed installare gli apparecchi. Sul punto confidiamo nella fattiva collaborazione degli Organi comunali preposti.

È inutile dire che non abbiamo finito. Potremmo anche sostenere che abbiamo appena iniziato. Abbiamo però ancora bisogno di tante cose. Certamente di contributi economici, ma anche e forse soprattutto della vicinanza di quante più persone possibile.
Noi del comitato siamo partiti con un motto. Il nostro operato doveva rappresentare "UN DARE SENZA AVERE" (un po' come avviene con i figli). Posso però assicurarvi, che questa esperienza ci ha restituito molto più di quello che abbiamo dato (proprio come avviene con i figli).

L'invito che facciamo a tutti è, quindi, quello di aderire al Comitato. Stateci vicino, anche solo con un suggerimento, un sorriso o una pacca sulle spalle.
A breve vi comunicheremo le nuove iniziative e vi terremo sempre aggiornati sugli ulteriori sviluppi.

Voglio salutarvi con una frase che mi ha molto colpito:
"A volte sono proprio le idee più semplici che creano le rivoluzioni"

LA NOSTRA È GIÀ IN ATTO E NE SIAMO ORGOGLIOSI.

IL COMITATO A.D. 1967
per la salute e l'ambiente
Il Presidente
Vito Colapietro

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI