Lunedì 19 Ottobre 2020
   
Text Size

Lello Tedeschi per Bandeàpart

foto 9

Venerdì 12 ottobre, presso il Chiostro dei Francescani, struttura ospitante Bandeàpart, il progetto gestito dal Teatro Kismet, si è tenuta la prova aperta di teatro riservata agli aspiranti partecipanti al Corso di Pratica di Scena, a cura di Lello Tedeschi.

Data la grande affluenza di giovani i turni, in realtà, sono stati due: uno dalle 18.00 alle 19.30 e l'altro dalle 19.30 alle 21.00.

Le domande iniziali sono state di valutazione dell'interesse sulla scorta anche di precedenti esperienze artistiche.

Poi, si è passati alla fase dedicata all'azione. È venuto fuori il valore delle emozioni in teatro e l'idea che di consueto si ha del teatro. Ci si è resi conto che il teatro parte dai piedi e coinvolge tutto il corpo.

"La credibilità è la forza fisica; è nella capacità di essere vivi, presenti attraverso il nostro corpo. Lo strumento dell'attore è il corpo. Esso si esprime, parla. Fondamentale è la forza del gesto. Le esercitazioni si fondano sul controllo del corpo." ha sottolineato Lello Tedeschi. La prova ha permesso l'osservazione dello spazio vuoto che racconta delle cose come lo spazio della scena che è riempito dai nostri corpi. Importante è risultata essere l'apertura del corpo verso lo spettatore. L'attore, infatti, è un corpo in relazione con altri corpi in uno spazio che attraverso le azioni si riempie di senso.

La referente territoriale Monica Notarnicola dichiara: "Sono molto contenta dell'affluenza avuta. I ragazzi si sono molto divertiti e si sono trovati a fronteggiare una selezione che è stata determinata dall'elevato numero di iscritti. Spero vengano premiati i più motivati." Verranno selezionati 12 ragazzi. Ogni iscritto avrà diritto a un biglietto ridotto per tutti gli spettacoli della stagione 2012/2013 del Kismet. Il corso inizierà a partire dal 25 ottobre.

Per info contattare la fan page Bandeàpart di facebook.

Lello Tedeschi, nato nel 1960, è laureato in Discipline delle Arti Musica e Spettacolo presso l’Università di Bologna. Nel 1991 approda al Teatro Kismet OperA, dove lavora stabilmente in qualità di drammaturgo, regista e formatore. Dal 2000 cura la direzione artistica delle attività di formazione, produzione e programmazione teatrale rivolte ai giovani dell’Istituto Penale per i Minorenni “Fornelli” di Bari, firmando numerosi spettacoli, tra i quali ricordiamo Ikaro e Di questo sogno che chiamiamo vita. Conduce, inoltre, seminari e laboratori dedicati al lavoro dello spettatore, alla drammaturgia, alla pratica d’attore, rivolti a tutti o a specifici contesti educativi quali scuole, Università, carceri, handicap.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.