“Senza Corpi” si colorano i sogni e si accendono le speranze

senzaq 1

 

senzaq 2Una tuta, della vernice, un pannello bianco e la voglia di riempirlo di colori. Dei colori di Ferdinando, di Annarita , di Miriam e di tutti quei ragazzi che vogliono credere nella bellezza dei propri sogni, nella libertà e in un futuro possibile al di là delle barriere fisiche e mentali. È questo il messaggio che la regista Francesca Lisco, attraverso lo spettacolo dal titolo “Senza corpi”, andato in scena venerdì 1 giugno, presso l’aula magna della scuola media “Raffaele Resta”, ha voluto far recepire ai numerosi presenti accorsi alla serata. Lo spettacolo si è posto come momento di riflessione volto al conseguimento del benessere generale dei suoi protagonisti, a cui è stata offerta la possibilità di esprimere se stessi e di impegnarsi, insieme, nella conclusione del progetto “Pegaso in volo”. Un'iniziativa che, anno dopo anno, attraverso un percorso di carattere socio-educativo, mediato da attività quali il tutoraggio educativo, la musicoterapia, la MusicArTerapia nella Globalità dei Linguaggi, la Psicomotricità, il Sostegno Psicologico e numerose altre attività, ha positivamente segnato il campo socio attitudinale dei suoi protagonisti. “La metodologia adoperata, dal nostro staff tecnico, nella realizzazione di questo evento – ha affermato la regista, Francesca Lisco – è stata più incentrata sul settore psicologico che pedagogico. La messa in scena di questo spettacolo, infatti, non è stata pensata come attività terapeutica, ma come attività volta al benessere, che dia la possibilità alle persone disabili di esprimere il proprio io.  Essendo una nostra volontà precisa quella di non voler tematizzare la disabilità.”  

Si è concluso così, tra sorrisi, abbracci e colori, questo lungo percorso pluridisciplinare durato tre anni.