"Libraia indipendente e fiera di esserlo!"

eleutera

È questo il messaggio che ha voluto regalare la libraia di Turi, Alina Laruccia, Responsabile del Presidio del Libro, alla trasmissione di Rai Radio 3, 'Chiodo Fisso', andato in onda nella mattinata di martedì 8 maggio.

Al microfono di Diego Marras, una parentesi sulle esperienze di librai indipendenti come Alina Laruccia, fiera di essere libera e non di proprietà dei gruppi editoriali, mossa da un sogno che da cinque anni è divenuta realtà. "Questo è il mio sogno e lo dedico non solo a me ma anche alla mia famiglia e al mio paese" - apre la signora Laruccia che in pochi minuti indirizza l'attenzione degli ascoltatori al mondo dell'antica Grecia e al suo desiderio di fare della libreria un luogo d'incontro, di scambio di opinione, di sviluppo d'idee, come era nell'eleutera del mondo greco. Ecco che da questo desiderio è nato un progetto, portato avanti con impegno e per mezzo del sostegno di "Domenico, Giovanni, Sabina, mia sorella Mimma, mia madre e chi come me ama i libri". Dall'amore per i libri sono scaturiti gli incontri con gli autori, le più belle penne contemporanee, come Piumini, Quarenghi, Cilento, Fortichiari, Murgia e tanti altri e i laboratori di scrittura creativa con i bambini. "È per i bambini come Vincenzo, per i più piccoli che mi vengono a trovare la domenica mattina che trovo quella gioia di proseguire con questo mio sogno, quella forza e passione per vivere con la mia libreria". È proprio con i più piccoli, con gli studenti delle scuole elementari e medie di Turi e dei paesi limitrofi che infatti Alina Laruccia e il Presidio del Libro di Turi hanno realizzato una rassegna letteraria dal 5 al 7 giugno dal titolo "DiDiario". Una rassegna che in realtà occupa la creatività dei bambini da diversi mesi per leggere, conoscere e selezionare, tra i personaggi della letteratura per ragazzi, i buoni e i cattivi di carta.