L’IMPROVVISAZIONE DI MICHEL GODARD

Godard al_centro_con_la_tuba_azzurra_Raffaele_Darienzo_e_i_ragazzi

 

Giovedì scorso, ‘Palladium Music’, in collaborazione con la ‘Yahama Music Europe’ ha organizzato, presso la Biblioteca Comunale di Turi, il concerto finale del Masterclass in tuba con il M° Michel Godard.

La serata è stata divisa in due parti: una prima, in cui abbiamo assistito all’esecuzione di pezzi improvvisati dal maestro e da alcuni suoi allievi; una seconda con tutti gli artisti di tuba e trombone che hanno partecipato al master.

Estemporaneità e ricerca sonora, il tema di questa serata entusiasmante.

Chiara Liuzzi e Antonio Latela hanno interpretato in chiave contemporanea brani di tradizione sefardita, attraverso l’uso dell’improvvisazione, quali ‘Los Bilbilicos’, in italiano ‘Gli Usignoli’, e ‘Auridme Galanica’.

Il nostro compaesano Michele Marzella al trombone, Livio Minafra al pianoforte, Giovanni Chiapparino alle percussioni e Domenico Lopez alla chitarra hanno creato sonorità calde, ancestrali, meditative, nel più assoluto relax, rielaborando anche un brano dello stesso Marzella, dal titolo ‘Etno loop station’, ispirato al mantra, fortemente evocativo.

Michel Godard è uno straordinario esponente della musica jazz, famoso per il suo virtuosismo e per la sua capacità di produrre il ‘multiphonics’. É conosciuto per essersi dedicato alla studio del serpentone, l’antenato della tuba, chiamato così proprio per la sua forma a spirale, suonato anche durante la serata.

Per l’occasione, il maestro ha arrangiato per 12 tube un noto pezzo francese classico del 1700, originale per archi, di Jean Philippe Rameau ‘La danza dei selvaggi’ da ‘Le Indie galanti’; un secondo brano, tratto dal repertorio del jazz classico, dal titolo ‘Blue monk’, ed, infine, un terzo intitolato ‘Deep memories’. Simpatico è stato l’inserimento estemporaneo all’interno dell’organico di Pamela Catucci che ha suonato la tromba in Sib.

L’ ultimo pezzo ‘Métal’ è stato scritto da Godard.

Il professor Raffaele Darienzo ha invitato l’assessore alla cultura di Turi, Franco D’Addabbo, ad esprimere la propria opinione ”L’evento è stato organizzato da Raffaele che ringraziamo calorosamente. Avere a Turi un personaggio così importante non avviene tutti i giorni. È un salto di qualità in una piazza già fertile. La cultura non dobbiamo mai dimenticarla perché è fondamentale.” Proseguendo, poi, con un proprio intervento Raffaele Darienzo “Non posso che ringraziare tutti i miei collaboratori, sottolineando che questa opportunità mi è stata data dalla ‘Yamaha’, dopo l’inaugurazione della nuova sede. Questi giorni sono stati un crescendo. Ringrazio i ragazzi per la sensibilità che hanno mostrato verso la loro professionalità e per il carisma di Michel Godard.”

 


 

Egr sig.r Gian Battista  Corti ,

Colgo  l'occasione  per  ringraziare  la  YAMAHA MUSIC  EUROPE  da  Lei  rappresentata  in  qualità  di "Manager  Product Marketing & Artist  Relation B&O"  per  il  branch ITALIA , il  prof. Raffaele  Darienzo  di  Palladium Music  di  Turi , per  la  realizzazione  dell'evento  "altamente  didattico"  per  la  masterclass tenuta  a  Turi  dal  M° Michel Godard.

Ringrazio  il  M° Michel  Godard , per  tutte  le  nozioni  di  tecnica  musicale  impartite (la  respirazione  circolare , l'improvvisazione  nel jazz , il  vocabolario  dei  suoni  e  dei  ritmi.... )  e  la  condivisione  del  suo  percorso  musicale , nozioni indispensabili  per la  crescita  dei  numerosissimi  musicisti  e  audiofili  che hanno partecipato  alla  master class.

Il   BASSO  TUBA , colonna  portante  delle  nostre  bande  cittadine  e  attualmente  molto  usato  in  formazioni  di  musica  jazz, grazie  all'apporto  del  M° Michel  Godard ha  sicuramente  subito  una  rivoluzione  stilistica . Prima  della  master  class ,non  ho  mai  avuto  la  concezione  di  cosa si  poteva  suonare  con  questo  strumento , musicalmente  molto  limitato  dalla  scrittura  orizzontale  nella  musica  per  banda. Aver ascoltato il basso tuba con delle sonorità altamente ritmiche è stata una  grandissima sorpresa.!

Sono  molto  dispiaciuto  che  il  concerto  finale  della  Masterclass non  abbia  avuto  un riscontro televisivo per   la  Puglia , regione con  una   tradizione bandistica centenaria .

Nella  mia città , Conversano,  le   due  bande , la  Piantoni  e  la  Ligonzo  ne  sono protagoniste ! Ringrazio  tutti gli  organi  di  stampa  e web  che  hanno  reso  possibile  la  diffusione  di  questo  evento.

 Con  la  presente  colgo  l'occasione  per  ringraziarla  e  per  porgerLe distinti saluti .

Rino Liuzzi

Direttore Artistico

Associazione musicale  SUONI DAL CASTELLO