FAVOLANDO E… IL PREMIO DELLA BONTÀ

anno_scorso

In occasione della giornata organizzata presso la Scuola Primaria “P. De Donato Giannini” per “Favolando e...”, nella mattinata di mercoledì 20, nel cortile scolastico, i bambini delle prime, seconde e terze classi hanno accolto la famiglia Luparelli per il “Premio della Bontà”.

Anche quest’anno, come nella precedente edizione, la famiglia ha omaggiato con un premio tutti i bambini della Scuola che, con un gesto semplice, quanto umanitario, lo scorso dicembre hanno partecipato alla raccolta di viveri per i più bisognosi.

Realizzato dalla Caritas durante il periodo natalizio, la partecipazione dei bambini della Scuola turese, sostenuti dalle loro famiglie, ha permesso quest’anno di riconoscere in tutti loro un comune sentimento di bontà e altruismo.

In una chermesse che li ha visti protagonisti di una serie di canti, recite e poesie dedicati ai temi della bontà e dell’amicizia, i piccoli attori hanno accompagnato il saluto del Dirigente Scolastico e degli intervenuti.

Assenti i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale per il Consiglio, hanno presenziato alla mattinata l’arciprete Don Giovanni Amodio e il dirigente scolastico della Scuola Media “R. Resta”, Ferdinando Brienza, chiamato senza preavviso.

L’Obbedienza, la Pace, l’Altruismo, la Carità, il Rispetto, l’Amicizia, sono tra i temi rappresentati dai bambini e premiati dalla stessa famiglia Luparelli che, ogni anno, si impegna a premiare gesti altruistici. La bontà intesa come regola del vivere insieme, il rispetto dell’ambiente che ci circonda, dei malati, della povertà che colpisce sempre più le famiglie, delle diversità dei popoli e del differente credo religioso.