‘PROVA D’ORCHESTRA’. NE PARLIAMO CON IL PRESIDENTE

orpheo_orchestra

'Un progetto musicale per tutti gli appassionati di musica'.

 

Con delibera n 18 del 17 febbraio, l’Amministrazione Comunale ha siglato un accordo di collaborazione con l’Associazione Culturale Musicale “Orpheo” per il progetto “Prova d’Orchestra” di cui Turi è il Comune capofila.

Presentato all’inizio del 2010 e indirizzato alla formazione di un’orchestra di ragazzi dai 18 ai 30 anni residenti nei comuni interessati al progetto (Turi, Gioia del Colle, Putignano e Casamassima) rientra nei progetti voluti e proposti dall’assessorato alla Pianificazione economico-finanziaria e tributi, all’innovazione tecnologica, informatizzazione e SIT, all’associazionismo e ai rapporti con la Pro Loco.

Il Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento) e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) hanno stipulato il 22 luglio 2009 un Accordo per promuovere una politica organica che sappia investire sui giovani come risorsa, anche attraverso la partecipazione ad iniziative e progetti con enti pubblici e privati, associazioni ed altre istituzioni interessate. Per questo l’ANCI ha deciso di sostenere con un contributo pari a €. 48.000,00, tale iniziativa per la quale ogni comune associa una quota di 3.000 € ciascuno.

Con la delibera del  17 febbraio, che giunge comunque in ritardo rispetto ai tempi previsti di realizzazione del progetto, assegna quota 24.000,00 € lordi all’Associazione “Orpheo”, utili per l’organizzazione e la gestione dell’intero progetto.

Dalla voce del presidente dell’Associazione, il Maestro Raffaele Pagliaruli, abbiamo voluto dedicare maggiore attenzione alla questione per la quale, durante una riunione in sede comunale, l’Ass. “Maria SS. Ausiliatrice” decise di declinare l’invito a collaborare e lasciare tutta l’organizzazione del progetto alla sola Associazione C. M. “Orpheo”.

“I destinatari di questo progetto, che sarà realizzato da me, Direttore Artistico, Livio Lerede che curerà il settore Amministrativo e la collaborazione delle altre associazioni turesi come la ‘Maria SS. Ausiliatrice’ e la ‘Magia Sonora’ sarà indirizzato anche ai ragazzi che, inesperti, hanno passione ed interesse nei confronti della musica – sottolinea il M. Pagliaruli. Tutti i residenti dei quattro comuni interessati dal progetto potranno partecipare al bando che a breve sarà disposto ed una commissione formata da noi musicisti selezionerà i partecipanti. In totale saranno 60”.

Ad ognuno di loro, come leggiamo dalla stessa delibera, verrà consegnata una borsa di studio pari a 300 €. L'intero importo affidato all'associazione musicale turese sarà indirizzato al pagamento dei maestri impegnati nel percorso formativo e agli stages che nel corso dei mesi verranno realizzati.

"Rispetto al progetto presentato inizialmente ci sono diverse modifiche che verranno inserite, come il numero degli strumenti o la presenza di un maestro di canto lirico. Vorrei sottolineare - aggiunge Raffaele Pagliaruli - che il nostro obiettivo è invitare un Maestro esterno ai 4 comuni interessati al progetto; super partes e che sappia offrire non solo professionalità, ma anche equità e pari opportunità a tutti i partecipanti. Abbiamo già individuato alcuni nomi, ma nulla di definitivo."

Aspetto più importante di questo grande progetto intercomunale è la possibilità che viene conferita a molti ragazzi di poter suonare ed entrare in un'orchestra, direttamente guidati da esperti musicisti. "Se il progetto ottiene un buon risultato e viene apprezzato il nostro lavoro, ci piacerebbe ripetere questa esperienza che non potevamo lasciarci sfuggire. Raramente vengono offerte delle possibilità economiche alla cultura. Ci impegneremo a realizzarlo nel migliore dei modi". Ultima considerazione, conclude il Maestro Paglairuli, è il nostro ringraziamento a chi, effettivamente, si è impegnatonel realizzare e progettare tale piano. "Ringraziamo le progettiste Teresa Leone, Clelia Menelao e Rosangela Valenzano dello Studio Acmè di Rutigliano, senza il cui lavoro non si poteva realizzare questa importante finestra musicale sulle nostre cittadine".