UN PAESE DA SCOPRIRE: DA BARI PER CONOSCERE TURI

Copia__di_turisti_19

Godendo di una mattinata di tiepido clima invernale, un pullman di turisti provenienti da Bari si è fermato a Turi per ammirare le meraviglie che tempo e calcare, oltre che la maestria dell’uomo hanno creato nella nostra terra.

Sin dalle prime ore della mattinata, i circa 50 turisti hanno potuto ammirare la grotta di Sant’Oronzo che, visibile su loro volti, rimarrà un piacevole ricordo. Abbiamo catturato qualche loro commento, all’uscita dalla visita in grotta. Un po’ affaticata dalla salita delle scale, non hanno mancato di sottolineare la bellezza che la grotta ha lasciato nei loro occhi.

“Questo è un luogo da visitare e sponsorizzare – commenta uno di loro, sostenuto dalla moglie che aggiunge – è bellissimo!”. Molti infatti si fermano a spiegare che purtroppo “Turi non la conosciamo, non la conoscevamo e mai, fino ad ora, ci siamo soffermati a pensare di venire a vedere una grotta di cui non sapevamo nulla. Di questo paese tutti sanno della presenza del carcere, ma non della grotta”. Inoltre, aggiungono altri turisti avvicinandosi e intervenendo “solitamente si visitano altri paesi della zona, per vedere grotte, chiese o cose simili e nessuno di noi, fino ad oggi, aveva mai avuto conoscenza di una Turi da visitare”.

Organizzata dall’Associazione dei Bersaglieri di Turi, nella persona del suo presidente Alberto Lenato, i viaggiatori hanno quindi potuto godere di una intera giornata ad apprendere informazioni sulla storia della nostra cittadina. “La pavimentazione della grotta è favolosa – afferma non appena in superficie una signora visibilmente affaticata dalla salita, ma entusiasta. Oltre alle ciliegie bisogna far conoscere anche queste bellezze”. Riappropriarsi della propria cultura, della propria storia e diffondere la conoscenza di queste meraviglie che sono il proprio passato è il fine che queste giornate di incontro si prefiggono.

Dopo la sosta presso la grotta di Sant’Oronzo, il gruppo di Bari è stato accompagnato nei vicoli del nostro centro storico dove, tra il Palazzo Marchesale, il Forno Addante, le Chiese della nostra cittadina e curiosità varie che si incontrano passeggiando nel borgo, non ha mancato di lasciare nei turisti un gradito ricordo di una bella domenica trascorsa nella piccola Turi.