Venerdì 21 Settembre 2018
   
Text Size

GIOVEDI’ SANTO TRA LE CHIESE DI TURI


Come da tradizione, la sera del giovedì Santo Turi si anima di un insolito andirivieni di gente. Persone di ogni età, in macchina o più spesso a piedi, vanno di chiesa in chiesa per il rito cosiddetto “dei sepolcri”, sostando in preghiera davanti a Gesù Eucarestia.

 

Dopo la messa in Coena Domini, infatti, durante la quale si fa memoria dell’ultima cena di Gesù e dell’istituzione dell’ Eucarestia,  le ostie consacrate vengono esposte sugli altari addobbati a festa.

 

La dizione “dei sepolcri”, nonostante sia molto in voga, non è corretta. Infatti, come è noto, nella giornata di domani sarà fatta memoria della passione e morte di Gesù. Tuttavia, pure nell’esposizione eucaristica, tutta la liturgia è un preludio del venerdì Santo.

Particolarmente denso di significati simbolici il modo in cui don Maurizio Caldararo ha adornato la chiesa di Maria SS. Ausiliatrice: la figura di un sacerdote, e il Vangelo aperto, quasi ad indicare il tabernacolo, racchiuso in un cuore: sul pavimento, panini e calici, assieme a dodici luci, simbolo degli apostoli attorno a Cristo.

E’  dispiaciuto a molti trovare  chiusa la chiesa di Santa Chiara, per lavori di restauro, e soprattutto, trovare inspiegabilmente chiusa la splendida e già restaurata chiesetta di San Rocco.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI