Domenica 29 Gennaio 2023
   
Text Size

banner assange

Avvistata a Turi Tatiana, la “pantera nera pugliese”

pantera-cf-cropped-52-0-1200-900_ori_crop_MASTER__0x0

Proseguono da oltre un mese le indagini: ripercorriamo le tracce della pantera, recentemente approdata sui social

Prosegue da ormai un mese l’“allarme pantera”, se non altro nella nostra provincia. Difatti, cronache alla mano, è avvenuto ad Ostuni, il 14 novembre 2020, il primo avvistamento di una pantera nera. Il sindaco della città bianca, Guglielmo Cavallo, “ha invitato i suoi cittadini a non fare jogging nella zona della strada dei colli, dove sono state rinvenute delle impronte compatibili con quelle di un felino di grossa taglia, con tanto di carcasse di alcuni cani randagi, forse sbranati” – scriveva all’epoca La Repubblica. Il 15 gennaio 2020, la pantera pareva aver già raggiunto il foggiano; a segnalarlo era stato un giovane operaio che stava andando a lavoro nella fabbrica di fuochi d'artificio che ha sede in via Castelnuovo a San Severo.

PANICO NELL’ENTROTERRA BARESE

Arrivando al mese corrente, una settimana fa Il Corriere della Sera scriveva: «Una grossa pantera nera dalla provenienza ancora ignota non smette di allarmare l’entroterra barese. Segnalata per la prima volta la scorsa settimana nell’area di Castellana Grotte e filmata poi da un automobilista all’altezza di Casamassima, pare si stia aggirando in queste ore nelle campagne di Acquaviva delle Fonti. Lo ha confermato sabato il sindaco Davide Carlucci, riferendo come il veterinario incaricato dalla Asl abbia rinvenuto “orme e tracce organiche dell’animale” nel territorio comunale. Subito è scattata un’ordinanza che ha vietato fino a data da destinarsi sia il “transito ciclo-pedonale e lo svolgimento di qualsiasi attività sportiva in tutte le strade di campagna e sulle strade extra urbane” che “di eseguire potature di alberi o lavori in campagna”. […] Anche il sindaco di Castellana Grotte Francesco De Ruvo aveva firmato un’ordinanza analoga sabato 6 febbraio (che verrà revocata lunedì), ma nemmeno in quel caso le locali forze dell’ordine erano state in grado di individuare il felino. L’esemplare sembra infatti spostarsi a grande velocità alla ricerca di cibo. […] L’ultima fotografia nota dell’animale, condivisa dallo stesso Carlucci, lo ritrae solcare un prato ad ampie falcate. Per questo Giuseppe Cosola, sindaco della vicina Adelfia, ha annunciato domenica provvedimenti altrettanto severi […]. Nonostante sia al centro delle cronache da oltre una settimana, non è ancora chiaro da dove la pantera possa essere fuggita».

LA PANTERA È SUI SOCIAL…E SI CHIAMA TATIANA

L’ipotesi più accreditata – se non altro più discussa e tristemente verosimile – è che il felino sia scappato dallo stato di prigionia in cui veniva costretto probabilmente da un qualche alto esponente della malavita organizzata; la natura predatoria della pantera, il suo manto nero e lucido potrebbero averla resa oggetto del desiderio narcisistico di qualcuno che in questo animale rintraccia un simbolo di aggressività, da ostentare.

Il celebre attore barese Dante Marmone ha così commentato sui social la vicenda: «Attenti alla pantera. O meglio, povera pantera, abbandonata da chi, chissà come, l'aveva avuta da cucciola e dopo averla coccolata, viziata e magari tagliato gli artigli, perché potevano rovinare i divani, è stata abbandonata al suo destino. Provo pena per questo animale solo nel suo destino crudele».

Nel frattempo, mentre si continua a darle la caccia, la pantera approda su Facebook, con il profilo “Pantera Nera Pugliese”: mentre si rincorrono le segnalazioni che provengono da Valenzano, Bari e Gioia del Colle, il felino prosegue con gli aggiornamenti di stato sul suo divertente profilo Facebook. Dopo l'esordio con “Ho fame! Vi osservo” e “Salve prede, come va?”, si è presentata con tanto di slogan: “Amici felini mi chiedete in tanti come mi chiamo; beh, sono Tatiana, la Pantera Pugliese. Il mio detto è se nasci pantera, sei una vera guerriera”. E ancora: “Consigliatemi un paese pugliese dove si mangia bene? Possibilmente carne. La notte si avvicina”.

AVVISTAMENTO A TURI: FALSO ALLARME

Nella giornata di martedì 23, un agricoltore turese ha segnalato la presenza dell’ormai celebre pantera nera nell'agro di Turi, verso Gioia del Colle. Sono intervenuti i Carabinieri della locale Stazione insieme alla Forestale di Gioia del Colle. I militari hanno ispezionato le campagne limitrofe al luogo dell'avvistamento, rintracciando un grosso cane di colore scuro, che per stazza e colore probabilmente ha tratto in inganno l'agricoltore.

LEONARDO FLORIO

Per commentare devi registrarti

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.