Domenica 13 Ottobre 2019
   
Text Size

20 braccianti intossicate da una “nuvola di fitofarmaci”

caporalato

Sull’accaduto indagano i Carabinieri della Stazione di Turi, supportati da Forestale e ASL

Mercoledì 13 agosto, venti braccianti agricole, originarie della provincia di Brindisi e impiegate in un vigneto ubicato in agro di Turi, sono rimaste intossicate a causa dell’inalazione di prodotti fitosanitari.

Secondo le prime ricostruzioni, le lavoratrici erano intente nel taglio dell’uva da tavola quanto sono state investite da una “nuvola” di fitofarmaci, che si sarebbe sollevata da un tendone, distante qualche centinaio di metri, dove erano in corso le operazioni di trattamento del frutto.

Pochi minuti dopo l’impatto, tutte le braccianti sono state colte da un improvviso malore, lamentando crampi addominali, nausea, bruciore alle vie respiratorie e allo stomaco. Nell'immediato è stata allertata la centrale del 118, che ha inviato le ambulanze dalle postazioni di Turi, Casamassima, Sammichele e Rutigliano. Dopo i primi soccorsi prestati dai paramedici, le donne sono state trasportate presso gli ospedali di Putignano, Acquaviva, Monopoli e alla Mater Dei di Bari per i necessari accertamenti clinici. Fortunatamente tutte le pazienti sono rientrate a casa nella stessa giornata, dimesse con prognosi non superiori a un giorno.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Turi, guidati dal Comandante Sacchetti, che si sono avvalsi del supporto del nucleo della Forestale di Gioia del Colle e dell’ASL. Quest’ultima ha mobilitato gli esperti del Dipartimento SPESAL (Servizio Prevenzione e Sicurezza Negli Ambienti di Lavoro) e di quello del SIAN (Servizio Igiene Degli Alimenti e Della Nutrizione).

Gli inquirenti, individuato il vigneto da cui presumibilmente sarebbe partita la “nube”, hanno eseguito la campionatura dei prodotti fitosanitari presenti nell’atomizzatore e nei recipienti ritrovati nel vigneto; in parallelo sono stati campionati anche i frutti dei due tendoni di uva da tavola coinvolti e quelli delle colture che si trovano nell’area intermedia.

Le indagini sono in corso ma pare che alcuni elementi siano già stati assodati: i fitofarmaci impiegati erano leciti, così come secondo norma erano anche gli equipaggiamenti di cui erano dotati gli operai che stavano eseguendo l'irrorazione. L’ipotesi più probabile è che a causare l’incidente sarebbe stato un improvviso cambio di direzione del vento.

Consultando i nostri archivi, abbiamo verificato che un episodio analogo si verificò a luglio dello scorso anno (http://turiweb.it/cronaca/38491-intossicazione-di-gruppo.html), il che porta non a demonizzare gli agricoltori ma ad invitarli a un uso più responsabile dei prodotti fitosanitari. Ad esempio, il buon senso suggerirebbe di eseguire i trattamenti esclusivamente nelle fasce orarie in cui nessun bracciante è a lavoro sotto i tendoni.

Commenti  

 
vito totire
#1 vito totire 2019-08-19 23:03
Evento inquietante;
chiedo alla Asl di fare una relazione sull'evento che ci consenta di capire quale fitofarmaco sia all'origine della intossicazione;
l'invito alla prudenza è ragionevole ma non sufficiente; come ho sottolineato nel commento all'evento analogo del 2018 (ma ce ne fu un altro diversi anni prima e poi chissà quanti altri meno eclatanti) sono state violate elementari norme di legge che fin dal 1956 dispongono la "separazione dei lavori nocivi" vale a dire l'obbligo di esporre al rischio il minor numero possibile di persone;
con Maurizio Portaluri , medico a Brindisi (associazione sanità pubblica) abbiamo fatto una proposta di lavoro alla Regione Puglia nel novembre 2017 finalizzata a creare una èquipe per i censimento e la vigilanza nelle situazioni a rischio;
ovviamente dire "avevamo ragione" a fare questo tipo di proposta serve davvero a poco; mi chiedo se qualcuno voglia lavorare su questo "evento-sentinella" a partire dalla tutela delle lavoratrici colpite , ma non solo; vale a dire con la ipotesi di fare prevenzione ma anche inchiesta epidemiologica.
La mia associazione che si occupa del rapporto ambiente/lavoro/salute è a disposizione.

Vito Totire
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.