A spasso con un grammo di hashish

hashish

Un altro giovane turese segnalato come "assuntore"

Anche questa settimana i Carabinieri della Stazione di Turi hanno organizzato una serie di servizi esterni mirati al contrasto delle infrazioni al Codice della Strada. Gli uomini guidati dal Maresciallo Sacchetti hanno posto particolare attenzione a sanzionare tutte quelle “cattive abitudini”, dalla cintura di sicurezza non allacciata all’impiego del telefonino durante la guida, che sono tra le cause più frequenti di sinistri stradali.

In parallelo, la presenza quotidiana dei militari sul territorio ha contribuito a scoraggiare i furti in appartamento o ai danni degli esercenti, tant’è che nelle ultime due settimane non si sono registrati episodi significativi.

Pari attenzione, infine, è stata riservata dai Carabinieri all’attività di prevenzione e repressione della detenzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Un impegno che, martedì 26 marzo, ha portato al fermo di un altro giovane turese, questa volta maggiorenne. Condotto presso la locale Caserma per gli accertamenti di rito, a seguito di perquisizione personale, il ragazzo è stato ritrovato in possesso di circa un grammo di hashish. Data la modesta quantità, la sostanza stupefacente è stata classificata come destinata a uso personale e, come previsto dalla normativa, il giovane turese è stato segnalato alla Prefettura di Bari come "assuntore".

La recente operazione segue quella analoga, conclusa lo scorso 13 marzo, quando i militari fermarono due ragazzi minorenni, già noti alle Forze dell’Ordine, mentre si aggiravano nel centro storico. Uno dei due fu trovato in possesso di 0,70 grammi di hashish e, anche in quel caso, scatto la segnalazione in Prefettura.

Entrambe le iniziative sono una tangibile testimonianza di un’attività investigativa di più ampio respiro, portata avanti dai Carabinieri per ricostruire le fonti d’approvvigionamento del mercato della droga a Turi, risalendo ai fornitori di sostanze stupefacenti che avvelenano i nostri giovani.