Via Francesco Valentini al buio

via valentini

Una circonvallazione nelle tenebre. La denuncia di un turese

Non passa settimana che sulle pagine Facebook che raccontano la nostra Turi non si leggano di denunce o segnalazioni di situazioni che andrebbero, con urgenza, gestite e ripristinate.

Oggi la denuncia non arriva dalla bacheca di un nostro lettore, bensì da un messaggio che viene lasciato alla nostra segreteria: “Buongiorno, sono ***, è possibile portare all’attenzione una situazione che si sta verificando da tempo? Nello specifico parlo della mancanza di illuminazione in via Francesco Valentini (zona Lidl)”.

Tuonano le parole che ascoltiamo al telefono quando contattiamo il nostro lettore. Si tratta di parole che portano la nostra attenzione ad una via che per anni è stata al centro delle promesse e degli obiettivi di passate amministrazioni e che solo da qualche anno vede il suo completamento. Una strada importantissima, come suggerisce la nostra fonte, che unisce via Rutigliano a via Casamassima. Un’arteria cittadina tanto richiesta e sulla quale si sono spese parole e che oggi rappresenta una delle strade maggiormente trafficate del paese. Posizione strategica, un grande discount che si affaccia su di questa, la vicina scuola superiore, nuovi condomini. Ecco cosa racchiude via Francesco Valentini, una via che durante il giorno è particolarmente trafficata e ben illuminata. Poi, al calare della luce, con la chiusura della Lidl, tutto si trasforma. La strada cade in un buio totale, come dimostrano le foto e come chiunque, percorrendo a via dopo le 22.00, può notare.

Purtroppo, a peggiorare la situazione, la totale assenza di lampioni dalla metà via fino all’incrocio con l’ITES. “In realtà, spiega il lettore, i lampioni di fronte al centro commerciale sono presenti ma sempre spenti, mentre il condominio che si affaccia sulla via ha provveduto autonomamente a illuminare gli ingressi delle abitazioni”.

Sembra strano che una strada così importante del nostro paese sia vittima di una cattiva gestione elettrica che permette, come abbiamo raccontato qualche mese fa, di essere preda di persone che approfittano del buio per commettere illeciti e rendere pericolosi i campi, dove venivano abbandonati resti di consumo di droghe.

Perché questi lampioni non vengono riaccesi? Perché non possiamo avere delle strade ben illuminate? Perché dobbiamo attendere che accada qualcosa di brutto prima di sistemare qualcosa?

C.D.