Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

Rifiuti abbandonati, arriva la prima multa

Ecopasseggiata Mobedì Turi (2)

Una nota stampa inviata dal Commissario Prefettizio, dott. Andrea Cantadori, fa il punto delle attività di contrasto al fenomeno dell'abbandono dei rifiuti, partendo dalle due "Ecopasseggiate" promosse da "Mobedì" (Movimento per la Bellezza Diffusa).

Lo scorso 9 e 30 settembre, una decina di volontari si impegnarono a ripulire un tratto di via vecchia Sammichele, precisamente quello del "ponte", che da tempo viene utilizzato come discarica a cielo aperto. E, tra i tanti rifiuti abbandonati, furono ritrovati alcuni bustoni contenenti spazzatura domestica indifferenziata, plausibilmente «rifiuti seriali (buste uguali) di un singolo».

"Mobedì" decise di stilare una relazione, con foto e video che immortalavano alcuni elementi, rintracciati nei sacchetti, che avrebbero potuto fornire indicazioni utili all'identificazione del responsabile. Materiale depositato presso il Comando di Polizia Locale che, dopo le opportune indagini e verifiche, è risalito al responsabile dell'incivile gesto: si tratta di M.C., cittadino turese, che è stato raggiunto da una sanzione amministrativa di 166,67 euro. Nei confronti di una seconda persona, residente all'estero, è stata invece elevata formale contestazione.

«Dal mese di agosto ad oggi - conclude la nota del Commissario - sono stati redatti 11 verbali relativi a violazioni di natura ambientale, con importi variabili a carico dei trasgressori da € 50,00 a € 600,00».

Commenti  

 
B.Elefante
#4 B.Elefante 2018-12-10 23:02
Non buonismo, ma rispetto della legge.
I vigili e il commissario non possono fare i nomi perchè sono tenuti al segreto.
Io sono per una legge che preveda la diffusione dei nomi di chi è accertato abbandonatore di rifiuti, quale sanzione "accessoria"in aggiunta a quella pecuniaria. A scopo deterrente come giustamente dici.
Citazione
 
 
clap clap clap
#3 clap clap clap 2018-12-08 14:31
..bravo Biagio.. pubblico ludibrio.. dici? perchè?? non li ritieni dannosi alla società, non sono una vergogna? I nomi vengono diffusi.non certo dalle istituzioni, cosi come avviene per i mafiosi, gli stupratori, i pedofili e chiunque si rende indegno di vivere in una società civile che oltre a sopportarlo deve economicamente supportarlo.! Il mio non vuol essere un "cecchinaggio" per stupido godimento, ma un deterrente verso individui indegni che dopo DUE anni dall'istituzione della raccolta rifiuti, ancora perseverano in questo scempio. In questi casi tu vuoi essere Buonista.? Io no punto.!
Citazione
 
 
B.Elefante
#2 B.Elefante 2018-12-07 10:26
CECCHINAGGIO CIVICO
Non interessa chi sia il colpevole, ma che i colpevoli vengano sanzionati, e che ognuno sappia che rischia una grossa sanzione.
I procedimenti sanzionatori sono coperti dalla riservatezza. Non esiste nel nostro ordinamento la pena del pubblico ludibrio, applicata nel medioevo, salvo quando per ordine del giudice una sentenza va pubblicata sulla stampa, ma per ragioni di tutela degli altri consociati che potrebbero incorrere nelle attività illecite del condannato.
e non certo quale "pena" del condannato.
Poi è ridicola una tale richiesta del nome del sanzionato che proviene da un anonimo!
Impariamo a firmarci con nome e cognome, è il primo elemento per sentirsi cittadini utili alla collettività ed a se stessi.
Chi vuole vedere il volto degli insozzatori può farlo partecipando ad appostamenti e fotrografandoli e sottoscrivendo la relativa segnalazione alla polizia.
Citazione
 
 
La Multa
#1 La Multa 2018-12-06 23:11
.. sarebbe di rendere PUBBLICO il nome di costoro, considerando che la comunità tutta, viene penalizzata, anche economicamente, da tali comportamenti.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI