Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Arrestati tre autori seriali di estorsioni con il metodo del “cavallo di ritorno”

carabinieri arresti

Nei giorni scorsi, a Turi e Casamassima, nell’ambito di una mirata attività investigativa, i militari della Compagnia di Gioia del Colle, rintracciavano B. A., 50 anni originario di Casamassima ma residente a Cassano delle Murge (BA), suo figlio B. B. 25 anni residente a Turi e C.D. 25enne, residente a Turi. I medesimi venivano arrestati, in esecuzione di un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. Dr. Francesco Pellecchia del Tribunale di Bari, per i reati di estorsione con il cosiddetto metodo del "cavallo di ritorno".

Nel corso delle indagini, coordinate dal Pubblico Ministero Dr. Giuseppe Dentamaro della Procura Repubblica di Bari, emergeva che i citati soggetti colpiti da misura cautelare, in Casamassima nei mese di ottobre-novembre 2017, in concorso tra loro, mediante minaccia implicita della mancata restituzione di veicoli oggetti di furto, costringevano le vittime a pagare somme di denaro per rientrare in possesso dei veicoli rubati.

Dalle indagini emergevano due episodi; il primo riguardante il furto di un’autovettura asportata a Casamassima, al cui proprietario veniva richiesta prima la somma di 6.500 euro e successivamente quella di 1.200 euro; il secondo riguardante una moto di grossa cilindrata asportata a Casamassima, il cui proprietario pagava la somma di 800 euro. Nei due casi i mezzi non venivano comunque restituiti.

Anche una delle vittime, il proprietario del motociclo, un 37 anni di Casamassima, veniva indagato per favoreggiamento personale, poiché dopo aver pagato l’importo richiesto per rientrare in possesso del veicolo asportato, sentito dai Carabinieri, forniva dichiarazioni mendaci, aiutando così gli estorsori ad eludere le investigazioni dell’Autorità Giudiziaria.

I tre arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Bari ove rimarranno a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI