Mercoledì 17 Ottobre 2018
   
Text Size

Tentano di rubare in due ville ma vanno via a mani vuote

Ladri-finestra

I Carabinieri della Stazione di Turi sono sulle tracce dei tre malviventi

L'attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, messa in atto dai Carabinieri della Stazione di Turi, sta dando i suoi frutti. Questa settimana, all'esito di vari controlli e di un'intensa attività di pattugliamento del territorio, non si sono registrati casi di fermo per droga.

Si sono invece registrati due tentativi di furto ai danni di abitazioni private, organizzati da una banda, evidentemente collaudata, composta da tre persone.

Nel primo episodio, consumatosi lo scorso martedì, i malviventi hanno preso di mira un'abitazione nella campagna turese. Mentre uno dei complice aspettava in macchina, gli altri due, dopo aver indossato guanti e passamontagna per rendere difficile la loro identificazione, tentavano di forzare l'ingresso della villetta. Tuttavia, appena si sono accorti della presenza del proprietario, che in quel momento si trovava sul terrazzo, hanno deciso di abbandonare il colpo dandosi alla fuga in tutta fretta.

Scenario identico si è presentato il giorno dopo. Anche questa volta la banda dei malviventi, fedele al suo protocollo, ha cercato di introdursi in una villetta alla periferia di Turi. Questa volta a mandare a monte il piano criminale è stato l'allarme che è entrato in funzione al momento giusto, allertando il servizio di vigilanza privata.

Sui due tentativi di furto indagano i Carabinieri della locale Stazione di Turi, coordinati dal Maresciallo Mastromarino. Un contributo all'attività degli inquirenti potrà arrivare anche dalle immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza limitrofi alle due abitazioni. I filmati, che i Carabinieri della Stazione di Turi hanno provveduto ad acquisire, sono in queste ore al vaglio dei militari che contano di estrapolare dettagli utili a costruire un identikit dei tre ladri.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI