Lunedì 22 Ottobre 2018
   
Text Size

"Lavoro nero", sanzionate due aziende turesi

Isernia, caporalato

Nonostante la stagione cerasicola volga al termine, i Carabinieri della Stazione di Turi non abbassano la guardia e proseguono l'azione di prevenzione e contrasto al fenomeno del lavoro irregolare nel settore agricolo.

Oltre ai controlli sui lavoratori stagionali stranieri, sopratutto di quelli presenti all'esterno del campo d'accoglienza di via Conversano, nell'ultima settimana i militari agli ordini del Comandante Giovanni Sacchetti si sono recati direttamente sui campi di lavoro, eseguendo una serie di accertamenti sulle posizioni lavorative dei braccianti agricoli impegnati nella raccolta delle ultime ciliegie.

Sotto la lente d'ingrandimento dei Carabinieri sono finite quattro aziende agricole turesi e, complessivamente, si è proceduto ad esaminare il rispetto delle regole d'ingaggio di 50 braccianti, di cui 11 stranieri e 39 italiani.

All'esito delle procedure di verifica, i militari hanno scoperto la presenza di due lavoratori italiani che prestavano la propria manodopera in due diverse aziende senza avere un regolare contratto. Dopo gli accertamenti di rito, ad ognuna delle aziende è stata contestata la sanzione amministrativa di 3 mila euro.

Commenti  

 
vito totire
#1 vito totire 2018-06-21 14:02
Oltre ai carabinieri ci sono ispezioni congiunte tra ispettori del lavoro e ispettori della medicina del lavoro della Asl?

Com Maurizio Portaluri abbiamo fatto una proposta su questo al presidente Emiliano;
risposta ? Non pervenuta.

Grazie sempre della attenzione.


Vito Totire
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI