Venerdì 20 Ottobre 2017
   
Text Size

Tentato furto in un appartamento del centro

furti-4-3

Forse la fortuna non era proprio dalla parte di quel gruppetto di tre, quattro ladri - probabilmente ragazzini ed inesperti - che durante la settimana hanno tentato ripetutamente di mettere a segno un colpo presso una palazzina del centro del paese.

La signora che abita l’appartamento preso di mira, è una vedova benestante che non aveva finora ritenuto necessario installare la porta blindata all’ingresso del suo appartamento, a differenza di tutti gli altri suoi vicini di casa. Attenzionata dalla banda proprio per questo motivo, ma anche perché vedova e solitaria nelle sue abitudini, la signora, anzi la sua porta, è stata senza saperlo “oggetto di esperimenti” da parte di ladri improvvisati.

La signora, infatti, qualche giorno fa si era accorta che la porta presentava strani “segni”, come dei buchini fatti da cacciavite ma, presa da questioni personali, non aveva dato peso alla cosa, etichettando il tutto come un difetto di fabbrica della porta di cui non si era mai accorta. Tuttavia, dopo qualche giorno, nello specifico martedì scorso 20 giugno, quando ha trovato segni molto più importanti sulla porta, la donna ha capito subito che qualcuno aveva provato ad introdursi nella sua abitazione. I ladri, dunque, avrebbero fatto ben due tentativi senza riusire mai ad entrare, forse spaventati dal fatto che stessero operando in un condominio, anche se piccolo. Ovvimente la donna ha provveduto a sostituire la porta con un bel modello blindato nel più breve tempo possibile.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI