Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

L'ANTICO CIMITERO ABBANDONATO A SE STESSO

cimitero

Dopo l’intitolazione della piazza antistante, nessuna riqualificazione

L’antico cimitero abbandonato a se stesso

Ma non dovevano occuparsene gli scout?

Il vecchio cimitero sconsacrato è in stato di degrado. Situato tra via Castellana e via Papa Giovanni XXIII, in periferia rispetto al centro cittadino, sembra ormai abbandonato a se stesso. Il sito religioso ha un importanza storica di tutto rispetto perché fu teatro di molte sepolture nella metà del 1800 in seguito all’epidemia di colera. La struttura risalente al XIV secolo, fu restaurata pochi anni fa con un progetto piuttosto originale, dopo essere stato in disuso per più di un secolo, che l’ha trasformato in un parco giochi per bambini. La ristrutturazione e la riqualificazione rivoluzionarono l’area e il progetto andò a buon fine. Il parco giochi, infatti, era pieno di attrezzature ludiche di tutti i tipi: scivoli, altalene ecc. Eppure, già dalla metà dello scorso decennio i ragazzi hanno trasformato l’area in un luogo di devastazione. Un bel modo per inaugurarla. Complice la posizione defilata rispetto al paese, il “cimitero vecchio” è diventato molto simile ad una discarica. Le giostrine sono state distrutte, e giacciono in parte bruciate e coperte da vegetazione spontanea. Le mura di recinzione, accuratamente restaurate e tornate alla vita dopo i lavori, ora sono diventate la superficie ideale per accogliere scritte oscene e graffiti di ogni genere. Come se non bastasse, il prato entro le mura del cimitero è diventato il pascolo per qualche mulo di passaggio. Forse non troppo di passaggio dato che un mulo con un cordone che lo tiene legato al muro non può certo farlo da solo. Insomma, l’area è diventata un pericolo pubblico. Se qualche bambino, inconsciamente decidesse di andare a trascorrere lì qualche momento di divertimento si ritroverebbe ad un ambiente in accogliente e sporco. Lo stato di abbandono è palese. Gia scendendo le scale che immettono al cimitero, infestate dalle erbacce, ci si imbatte nel cancello, ovviamente semi distrutto. E qui i bambini poco avrebbero potuto fare, dati i grossi cardini e l’imponente struttura in acciaio di cui è composto. Probabilmente i vandali si divertono anche in quest’area.

Tuttavia, nel maggio scorso, la piazza antistante il cimitero vecchio era stata dedicata, in una cerimonia solette, alla presenza dell’ex Sindaco Nicola Degrisantis e dell’arciprete Giovanni Amodio, a Baden Powell, padre fondatore del movimento scautista mondiale. Alla seduta di intitolazione della piazza i Capi Scout si accollarono l’arduo compito di contribuire alla riqualificazione del cimitero vecchio e l’area circostante rendendola viva e vivibile. Ad oggi, sembra non sia stato mosso un dito.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI