Lunedì 28 Novembre 2022
   
Text Size

banner assange

DA NÁNDE T’ALLÉSCE, DA RÉTE TE PìSCE

IMG_6012

Questi nostri proverbi sono l’espressione dell’ anima popolare turese. Questa raccolta ha lo scopo di conservare nel ricordo quelle espressioni di vita che, tra l’altro, avranno il potere di evocare e di stabilire un passaggio tra le epoche trascorse e la nostra.


Descève tatarànne: lìjve u’ menùnne e mìtte u’ grànne.

Fàmme prìme e fàmme pùerche.

Càrte ca cànte, vellène ca dòrme.

A fè buène han stè buène, a fè mèle nan g’è mèle.

I còse all’affòrze, vàlene na scòrze.

Nan si credènne all’ òmene  ca chiànge, ca i làcreme sò d’ inchiòstre e u’ còre te tèngene.

Nan te ‘ndreghè, nan  ti ‘mbeccè, ca ce te ‘ndreghe remànne ‘ndreghète.

Ce uè frechè u’ vecìne, cùlcute sùbbete e iàlzete de buène matìne.

Ce tène bèstie e fìle, mè chentènte vìve.

Pe quànte n’à fàtte a ràsele, tànte n’avè a cùlme.

Pòvera vènde aqquànne iàcchie u’ màle patrùne.

U’ biànche e u’ rùsse vène da sòtt’ o’ mùsse.

La bellèzze nan rèsce la chèse.

Addò stè gùste, nan ge stè perdènze.

Commenti  

 
Platone
#3 Platone 2010-11-06 03:10
Mentre ribadisco e mi congratulo con la redazione per renderci partecipi di un siffatto patrimonio linguistico-culturale orami in estinzione (il dialetto), da cultore della materia, chiedo lumi, circa la "paternità" semantica dei termini: "ràsele" e "culme" e, complessivamente, un abozzo di traduzione dell'intero proverbio.
Cordiali saluti e......Continuate con la raccolta e la pubblicazione .....Vi prego....;-))
 
 
sofia senior
#2 sofia senior 2010-11-05 16:07
"nan' a dìsc mè nè quand' ann tìn, nè quanda 'bcchìr 't bìv!" diceva mio nonno, novantanovenne, ke a tavola beveva il sano primitivo turese. Erano gli anni in cui un noto creatore televisivo diceva: ki beve birra campa cent'anni. :D
 
 
Mody
#1 Mody 2010-11-05 12:43
Salve. Nelle scorse occasioni di pubblicazione di proverbi si è sostenuto che, date le critiche di qualcuno, la traduzione e l'interpretazione vengono lasciate al singolo lettore.
Io invece sarei del parere di leggere traduzione e interpretazione dell'articolista e, criticamente, farla propria oppure crearne una personale.
Questo perché non tutti potrebbero conoscere i termini dialettali o conoscerne il significato. Dall'alto dei miei quarant'anni, ad esempio, io non saprei tradurre il proverbio "Pe quànte n’à fàtte a ràsele, tànte n’avè a cùlme" in quanto non comprendo il significato dei termini "ràsele" e "cùlme".
Quindi io auspicherei un confronto costruttivo più che una deriva semantica.
Comunque ringrazio chi spende parte del proprio tempo per cercare di lasciare traccia di un linguaggio che, purtroppo, tende a scomparire.
Saluti.
 

Per commentare devi registrarti

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.