Lunedì 28 Novembre 2022
   
Text Size

banner assange

QUANDO GLI AMMINISTRATORI DIVENTANO MEDIATORI

mediatori

Riceviamo e Pubblichiamo.


Ancora 4 mesi e sapremo che ne sarà del PIP a Turi. Per la verità se ne parla poco, presi tutti o quasi a seguire le poco edificanti ed alterne vicende che caratterizzano l’amministrazione della nostra Città. Assessori che ruotano, si alternano, giocano come fossero al luna park ed intanto il tempo scorre inesorabilmente. Che ne sarà dello sviluppo economico della nostra comunità? Lo scopriremo vivendo, direbbe il grande Lucio Battisti. Il 16 febbraio prossimo, infatti, scade il termine per la presentazione delle offerte per l’aggiudicazione dell’affidamento del PIP in project financing. Si rincorrono le previsioni di quanti affrontano questa questione.

Sostanzialmente le correnti di pensiero di dividono in due categorie: la prima sostiene che non se ne farà niente poiché non ci saranno offerte data la contingente recessione economica e l’eccessivo investimento da realizzare (62 milioni di euro); la seconda, invece, pur condividendone l’analisi, ritiene che il danno che ne deriverebbe alla nostra comunità, in caso di esito negativo della gara, sarebbe tale da indurre tutti i consiglieri ed assessori di maggioranza ad adoperarsi a trovare imprenditori locali interessati all’acquisto di un capannone dall’eventuale imprenditore che investirebbe nella nostra realtà. In definitiva, sembrerebbe che l’investitore sarebbe stato individuato da alcuni amministratori ma la condizione posta sarebbe: “Investo, costruisco, purché ci siano già le imprese acquirenti delle strutture che andrei a realizzare “. Questo perché l’investitore in questione, non essendo interessato a stabilire nel nostro territorio la sua azienda, si limiterebbe a svolgere la sua attività d’impresa che è quella di comprare l’area, realizzare le strutture e venderle (secondo la regola del "mordi e fuggi") conseguendo l’utile d’impresa che è l’unico motivo del suo agire nella nostra realtà.

E’ chiaro che, se non ci fossero imprese interessate all’acquisto, verrebbe meno l’interesse dell’investitore e si ricadrebbe nella previsione della prima corrente di pensiero.

Si comprende benissimo il motivo dell’impegno dei nostri amministratori: o si fa il PIP o si muore (nel senso che il giorno successivo alla scadenza del bando, in caso di esito negativo, si assisterebbe alle dimissioni in massa del Sindaco e della sua maggioranza stante il grave danno che avrebbero arrecato alla nostra comunità perché, di fatto, avrebbero distrutto il futuro dei nostri giovani).

Anche perché le coscienze degli amministratori si ribellerebbero alla sciagurata decisione di aver optato per la procedura del PIP privato (appunto il Project financing) a scapito di quello pubblico con la conseguenza di rinunciare ad 1 milione di euro a fondo perduto per le urbanizzazioni, già previsto a favore del nostro Comune, e di aver perso l’opportunità di ottenerne altri 4,5 con i POR del 2009. Per non parlare delle 24 imprese, disposte nel marzo 2007 a localizzare le proprie strutture presso il nostro PIP ed oggi non più interessate a questo investimento.

Ecco perché il ruolo dei nostri amministratori in queste ore si sarebbe svilito a quello di mediatori (con tutto il rispetto per i professionisti del settore): l’amministratore pubblico deve sempre agire nell’interesse della pluralità dei cittadini; il mediatore (o procacciatore d’affari, che dir si voglia) agisce sempre secondo le indicazioni e le aspettative della committente azienda privata.

Stando così le cose, la dialettica tra l’amministratore pubblico ed i privati sarebbe venuta meno poiché il primo parla la stessa lingua del secondo creando un pauroso vuoto nel rapporto data l’assenza di chi pensa ed agisce nell’interesse generale.

Per concludere: quali sono i risultati ad oggi conseguiti dai 'mediatori'? Al momento nessuno, malgrado i numerosi contatti avuti con i maggiori imprenditori locali.

Commenti  

 
Caporedattore Claudio Spada
#11 Caporedattore Claudio Spada 2010-10-14 21:28
ora è sicuramente piu' chiaro.
un saluto.
 
 
INDIGNATO
#10 INDIGNATO 2010-10-14 18:45
Ciao Claudio molto probabilmente hai interpretato male il mio pensiero,è vero che ci sono ultrasessantenni che utilizzano la rete,ma è anche vero anzi verissimo che molti anche giovani(40-50 ANNI)non la utilizzano.Per questo se un politico vuol far sentire le sue ragioni,opinioni quale modo migliore è farlo in piazza.Guardando negli occhi(soprattutto)i suoi elettori??(e quelli che ha preso per i fondelli)
Ho molto rispetto per le persone anziane,non era nel mio intento offendere qualcuno.
Spero di aver chiarito l'equivoco.
 
 
Caporedattore Claudio Spada
#9 Caporedattore Claudio Spada 2010-10-14 16:43
Forse ho capito male l'intervento di Indignato, comunque, qualora l'ultima parte del suo pensieri si riferisse al fatto che sul nostro sito gli "ultrasessantenni" non vengono tenuti in considerazione, posso dire con assoluta onestà, a nome della redazione, che nessuna lettera inviata alla nostra redazione è stata mai cestinata. Al max è stata ricorretta e rivista (perchè assolutamente impubblicabile nelle 'condizioni' in cui è stata mandata) o censurata in alcune parti in accordo con l'emittente della stessa per i contenuti border-line o fuori tema.

Non chiediamo l'età per chi vuole sottoscrivere un personalissimo pensiero sul nostro sito.

A giorni ci sara' proprio la comunicazione di un "ultrasessantenne"...
 
 
Caronte
#8 Caronte 2010-10-14 14:58
I giudizi sugli altri espressi dal commercialista sono sempre meritevoli di attenzione!
Peccato che tale attività di "mediatore-procacciatore-faccendiere" sia forse? da sempre una delle sue numerose attività più o meno nell'ombra.
Quali?
1) la mai concreta cooperativa grand'hotelpalazzomarchesale per dare lavoro ai giovani
2) la mai insediata mercedesbenz alla polveriera del *** .
3) le operazioni urbanistiche inondate di romanesco, affari e fiumi
4) i business internazionali da e per lussemburgo...
 
 
INDIGNATO
#7 INDIGNATO 2010-10-13 18:38
Siamo stufi di questi politici ed ex, se hanno da dire qualcosa vengano in piazza,facciano le loro considerazioni in pubblico,dandoci la possibilità di poter replicare con un applauso,con dei fischi o un buon lancio di pomodori marci.Siamo tutti bravi a rilasciare interviste o pubblicare articoli.
Vi ritengo tutti responsabili(attuali politici ed ex)del fallimento del comune di Turi.Se avete da obiettare qualcosa o discolparvi fatelo su di un palco(se siete capaci)non su questo sito. Proibito per la maggior parte degli ultra cinquantenni,per problemi che non sto qui a spiegare ma facile da immaginare.Tirate fuori gli attributi ammesso che gli avete.
 
 
INDIGNATO
#6 INDIGNATO 2010-10-13 16:00
Parole......parole.........parole....chiacchere
 
 
sofia senior
#5 sofia senior 2010-10-13 12:54
A Turi si è costruito abbastanza e sicuramente male, l'Autorità di bacino deve fare il suo mestiere: mettetevi l'anima in pace, perkè con l'abbattimento del mostruoso "ospedale" di via Conversano tutto cambierà in bene. Anche il modo di intendere la "politica" urbanistica. Per Natalino: mi dicono ke la ditta turese trasferitasi a Sammichele, non naviga proprio in buone acque, diamo la colpa a De Grisantis o al sindaco di Sammichele? Non esagerate, impegnatevi sul piano politico in modo consapevole.:-)
 
 
toroseduto
#4 toroseduto 2010-10-13 02:19
Il pip del "vestito su misura" del commercialista degrisantis stava per essere realizzato su un fiume sotterraneo con la regia di un fiume sulla terra che li avrebbe portati tutti in galera!
Il pip e la variante al PDF sono le due operazioni urbanistiche scellerate di degrisantis&c.
Per la prima si è salvato, per la seconda speriamo che se la cava...
 
 
consigliere comunale Natalino Ventrella
#3 consigliere comunale Natalino Ventrella 2010-10-12 01:55
Sono questioni esplicitate da me gia' qualke settimana fa su ***! Sono onorato di questo riconoscimento!....almeno questi sono stati capaci di elaborare un atto.....anke se non servira' a niente! Vogliamo, invece, soffermarci sulle aziende che durante la sua amministrazione si sono trasferite a sammichele?......e quel permesso di costruire del 2000. Secondo lei, ha determinato problemi per lo sviluppo economico del nostro paese? ...poi vogliamo dire ai turesi tutta la verita'? Di questo lei non ha responsabilita'! Come mai il pip (durante l'amministrazione stafanachi), fu trasefrito proprio in via gioia canale?
Grazie
 
 
Platone
#2 Platone 2010-10-11 23:27
Ma che bella rappresentazione iconoclastica della nostra classe politica!
E' necessario conoscere la realtà, per poter esprimere il proprio punto di vista......allora, se questa è la dura realtà...davvero è inqualificabile il comportamento di taluni!Parliamo di un'opportunità che, se solo fosse stata sapientemente accolta, sarebbe potuta divenire una fantastica occasione di rilancio per la nostra comunità, ed, invece.........se ne parliamo, è, perchè , evidentemente, taluno non ha intravisto in quell'occasione d'oro un'opportunità.....o meglio,forse l'ha intravista solo ad esclusivo beneficio del proprio tornaconto, non ricordandosi che era lì ad amministrare per conto di una comunità.....peccato!!! I latini dicevano: Vita brevis, ars longa, occasio praeceps, experimentum periculosum, iudicium difficile come a dire "la vita è breve, l'arte è lunga, l'occasione fuggevole, l'esperimento pericoloso, il giudizio difficile". Popolo Turese.....meditiamo.....
 
 
osservatore
#1 osservatore 2010-10-11 21:28
Quello del PIP, mi dispiace ammetterlo, mi sembra sia una brutta questione.
Devo riconoscere che nasce male sin dal suo individuarsi in una zona a dir poco infelice, a cui sono seguite facili e condivise operazioni che rasentano gli estremi della speculazione.
Esiste una terza ipotesi che caparbiamente consentirà a questi amministratori-mediatori di uscirsene senza "borsello" ma con la faccia tosta.
In fondo stiamo giocando a questa politica che per raggiungere il suo cinico interesse ha perso di vista, o si alimenta di, quello collettivo.
Saluti.
 

Per commentare devi registrarti

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.