Lunedì 26 Settembre 2022
   
Text Size

TURI, NA CARTA SPORC E NESSUN S NPORT

CONSIGLIO_SENZA_NUMERI

Riceviamo e pubblichiamo.

 

 


Neanche nella tanto deprecata prima repubblica si assisteva a cambi di amministratori con la rapidità con cui vengono sostituiti quelli dell’attuale governo cittadino. Tant’è che negli ultimi due anni e mezzo di amministrazione si sono susseguite ben sette compagini assessorili. Tutti hanno assaporato l’ebbrezza dell’amministrare (tranne il buon Carenza, consigliere a vita senza un perchè).

Diversamente dai Governi ante 1993 che venivano eletti col Sindaco in seno al Consiglio comunale, con l’elezione diretta del Primo cittadino l’Amministrazione parte con “il vento in poppa“ stante la certezza del Sindaco e della maggioranza che lo sostiene (pari a 2/3 dei consiglieri). Questo nella mente del Legislatore e nella generalità dei casi: nella repubblica autonoma di Turi, invece, dall’attuale esperienza di Governo locale apprendiamo che non bastano 14 consiglieri ed oltre 4.000 voti per governare. Servono consiglieri della minoranza (generosissima come mai) che, all’occorrenza, permettano, con uscite strategiche dall’aula (tanto per non dare l’idea) ed assordanti silenzi in consiglio, di perpetrare le ingiustizie più gravi ai danni della collettività. Si spostano strade per concedere permessi a costruire o benefici a parenti ed amici (perché questo è quanto si è verificato con la strada “Lidl“ - la Fontamara turese), si annullano pezzi di strada per coprire gravi responsabilità della 'burocrazia' locale. Insomma, in questa nostra repubblica locale ormai succede di tutto con un unico filo conduttore: la bramosia dell’interesse individuale di amministratori, parenti ed amici degli stessi con il benestare di una minoranza (salvo qualche lodevole e coraggiosa eccezione) sempre pronta a garantire il numero legale o a far mancare la propria disapprovazione nel merito delle questioni con la conseguenza di ingenerare nel cittadino gravi sospetti di collateralismo prossimo ormai alla collusione.

Assistiamo inermi e privi di qualunque difesa a saccheggi di quello che resta dell’interesse pubblico nella nostra Città. Ormai la bandiera dell’interesse generale in questa nostra Città è stata resa, come diceva Pino Daniele, “na carta sporc e nessun s nport“. Questa è la triste realtà che stiamo vivendo a Turi. E noi cittadini, non sapendo a quale Santo votarci, ci organizziamo in proprio con le petizioni. Con buona pace del Sindaco, degli assessori e dei consiglieri tutti ormai non più riconosciuti come tali dalla gran parte della comunità 'amministrata'.

Commenti  

 
il moralista
#7 il moralista 2010-10-08 21:29
Mentre prendiamo atto delle "denunce" (gravissime per i nostri attuali politici locali....)fatteci conoscere attraverso l'art. del dott. De Grisantis, non si puo' rimanere inermi nel giudicare anche il suo ex operato da amministratore locale.......Come dire....è facile gettare fango sull'operato altrui, ma ognuno...ha i suoi scheletri nell'armadio!!!!!!!
 
 
Platone
#6 Platone 2010-10-06 22:48
Platone nella sua opera piu' importanta "La Repubblica", sostiene che tutto ruoti intorno al tema della giustizia, anche se il testo contiene in sé una moltitudine di teorie platoniche, come la teoria della caverna, quella delle idee, la concezione della filosofia come dialettica, una nuova versione della teoria dell'anima rispetto a quella già trattata nel fedone e il disegno, il progetto di una città ideale, governata in base a principi filosofici. Essa è l'esempio più celebre fra le teorie politiche che col passare dei secoli prenderanno il nome di utopie. ......Ben vengano anime nobili e votate al "collettivismo" che denuncino le malefatte degli attuali nostri politici...Non si puo' essere schiavi delle bugie dei governi o delle persone. Scoprite la Verità e.....sarete Uomini Liberi......L'umile, sente che sbaglia e lo ammette;
l'ipocrita, sente che sbaglia e lo nasconde;
l'arrogante è immune all'errore. Meditate gente, meditate..............:D
 
 
alunno
#5 alunno 2010-10-05 01:15
evidentemente a turi hanno bisogno di teeeeee...prof?
 
 
socrate
#4 socrate 2010-10-04 20:47
La triste realtà è che nei piccoli comuni l'attività amministrativa viene svolta dai "tenutari" di piccoli pacchetti di voti***, o da gente che ha fallito nella vita lavorativa e fa della politica il proprio sostentamento***. Qualche persona brillante e animata da valori etici profondi(tipo ***)c'è anche nei piccoli comuni per carità; purtroppo si occupano, spesso a malincuore, di altro o decidono di lasciare il paesello.Unico rimedio al perpetuarsi di questo status quo? Investire sull'educazione; augurarsi che le nuove madri e i nuovi padri, inculchino davvero nelle generazioni future il "culto del pubblico" come unico valore capace di assicurarci un futuro. Se sulle nostre fineste, come dall'unità d'Italia, continuerà a sventolare la bandiera del "familismo amorale" saremo condannati ad un futuro, se possibile, peggiore del presente...Inutile, dunque, sbraitare sugli scempi quotidiani di legalità: investiamo sul futuro!!!
 
 
sofia senior
#3 sofia senior 2010-10-04 20:25
Mah!!! Nessuno si accorge ke dopo 30 anni da via xx settembre, con misure drastiche, prima è sparita la consultazione coi cittadini associati per categorie d'interesse pubblico e poi l'Assessorato alla Cultura (ultimamente con Spada, *** Tateo e l'incompreso (manco il tempo di insediarlo)D'Addabbo. Se Tateo non è stato riconfermato alla promozione culturale cittadina vuol dire che in alto non hanno a Cuore la Turi intellettiva, o il ragioniere è stato bocciato a settembre in materie culturali?;-)
 
 
g.mazzini
#2 g.mazzini 2010-10-04 17:05
Perchè, se è vero quanto sopra, non pubblicate le particelle catastali dell'area interessata con tanto di nomi e cognomi dei proprietari...così almeno gli elettori capiscono chi si è candidato e per che cosa...tanto per sottolineare lo spirito civico che travolge queste persone e le fa immolare al sacrificio dell'amministrazione del pubblico denaro ??
Cordiali saluti.
 
 
pasquale3
#1 pasquale3 2010-10-04 15:35
ma dopo tutti i danni che hai fatto a Turi ***...
 

Per commentare devi registrarti

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.