Lunedì 23 Maggio 2022
   
Text Size

PROVERBI TURESI: U’ PÉRE VE’ IÁCCHIE U’ SUÉZZE

IMG_0605

U’ prim’ ànne spesète: o malète o carciarète

( Era opinione comune che il primo anno di matrimonio fosse il più complicato e problematico)

Ce tène buène vecìne, stè chentènde nòtte, dìje, sère e matìne

( Chi ha convicini onesti, può stare sempre tranquillo)

Ce à mangète? Pène, scòrze e meddìchele!

( Una maniera spiritosa per dire che, praticamente, aveva mangiato solamente il pane)

Pùre la reggìne vè seggètte alla vecìne

( Chiunque di noi ha bisogno del prossimo)

So’ sciùte e so’ venùte, càzze ‘ngùle egghi’avùte!

( Quando si andava da qualcuno per risolvere un problema, spesso si era trattati male e la questione restava  irrisolta)

Ce uè iènghe i vùtte: zàppe affùnne e pùte cùrte.

( Per una gran bella produzione di uva da vino,  si doveva zappare in profondità e potare i tralci corti)

I fùnge a ròcchie, i fìjsse a còcchie

( Come i funghi si trovavano raggruppati, si pensava che anche gli sciocchi si attraessero tra loro )

U’ père vè iàcchie u’ suèzze

( Ognuno va alla ricerca del suo simile)

Ce camìne drìtte, càmbe afflìtte

( Chi conduceva una vita onesta, finiva per vivere miseramente)

I frùtte so de Dìje, mànge tu e mànge ìjie

( Si giustificava con questa frase chi si fermava ad assaggiare un frutto maturo e invitante ma di un albero non di sua proprietà).

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.