Lunedì 30 Novembre 2020
   
Text Size

Un dolce per coprire l’amarezza

cristalli di zucchero (4)

L’iniziativa solidale di “Cristalli di Zucchero” supportata dalla Protezione Civile turese

«Per evitare sprechi inutili e considerata la situazione Covid, dalle 18.00 sino alle 19.00 doniamo a tutta la clientela un vassoio con le nostre prelibatezze e vi invitiamo a lasciarci una piccola offerta che verrà consegnata alla Protezione Civile di Turi per le famiglie più bisognose. Vi aspettiamo numerosi!» – questa l’idea condivisa sui social da Cristalli di Zucchero nei giorni scorsi.

Volendo provare, seppur con qualche difficoltà, a sdrammatizzare, c’è da considerare che un vassoio di dolci potrebbe essere un ottimo palliativo alla profonda amarezza in cui moltissime famiglie turesi, a partire dalle meno abbienti, vivono attualmente. “De gustibus non disputandum est” e, dunque, legittimamente, qualcuno potrebbe preferire il salato al dolce, ma gli atti di solidarietà, nel momento storico in cui ci troviamo, sono sempre oggettivamente encomiabili; a proposito del rapporto tra emergenza e altruismo, il filosofo Albert Camus, autore del libro “La peste“, scriveva: «Ciò che è vero per tutti i mali del pianeta è vero anche per la peste. Aiuta gli uomini a elevarsi al di sopra di se stessi».

Prima del Covid-19, abbiamo già avuto modo di documentare su queste colonne altri importanti gesti di solidarietà ed altruismo da parte dei turesi, i quali, seppur talvolta inclini al dialogo distruttivo, non si sono mai risparmiati nelle donazioni e nel far sentire la propria vicinanza alle famiglie in difficoltà: si pensi alle attività che non molto tempo fa donavano il proprio pane o, ad esempio, alla grande prova di cuore che ha permesso al piccolo Domenico Spinelli di restare aggrappato alla vita e, oggi, di sorridere. Insomma, nei momenti di profonda difficoltà, Turi dà prova di essere una grande famiglia, nonostante le mille diatribe, le lotte intestine che da anni si consumano in seno a sé stessa.

Tornando invece a “Cristalli di Zucchero”, è quantomeno doveroso tributare un applauso ai suoi titolari; da parte nostra, ci domandiamo se questa idea meravigliosa sia stata in una certa misura innescata anche da un nostro recente articolo su “Too good to go”, l’app che ha come obiettivo la lotta agli sprechi alimentari attraverso una redistribuzione dei prodotti invenduti, poiché: «Abbiamo ritenuto opportuno fare solidarietà; in più – prosegue Marilena Catucci, titolare di “Cristalli di Zucchero” – abbiamo preferito regalare, piuttosto che buttare, parte della produzione che in altri tempi avremmo venduto». Nel caso specifico della pasticceria turese, il meccanismo è stato ulteriormente arricchito dalla possibilità di donare denaro; insomma, non solo si riduce lo spreco, ma si alimenta anche la macchina della solidarietà: «Durante la prima serata – spiega Marilena Catucci – abbiamo raccolto 65 euro». Ampio merito va dato anche alla Protezione Civile, recentemente premiata per le energie profuse durante il primo lockdown, con la speranza che nel futuro prossimo non ci sia nuovamente estremo bisogno del loro intervento – lo ricordiamo – volontario.

LEONARDO FLORIO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.