Sabato 28 Novembre 2020
   
Text Size

Inizia la corsa al “Bonus PC”

ipad-820272_1280

Il governo stanzia 204 milioni di euro per favorire l’accesso alla connessione internet. Ecco i requisiti e le modalità di accesso

Dopo il “bonus bici”, da lunedì 9 novembre è iniziata la corsa al “bonus pc”, la misura promossa dal Mise (Ministero dello Sviluppo Economico) per favorire la disponibilità di connessioni ad internet in banda ultra larga (ovvero con una velocità in download di almeno 30 Megabit al secondo).

L’intervento, previsto fin dal 2015 ma mai attuato, è stato finanziato con 204 milioni di euro e potrà essere richiesto fino al 1° ottobre 2021. La copertura della manovra, tuttavia, sarà sufficiente a coprire le domande di 408 mila utenti, a fronte di una platea di beneficiari stimata in 2,2 milioni di famiglie. Dunque, in questa prima fase, sarà “privilegiato” chi si muoverà per primo.

Quanti dovessero “restare fuori” possono consolarsi con la previsione di un rifinanziamento della misura. Parola del sottosegretario al Mise, Gian Paolo Manzella, che ha annunciato nuovi fondi per il prossimo anno, dichiarando che il successivo decreto estenderà la fascia di reddito dei beneficiari (Isee fino a 50 mila euro) e includerà anche le imprese.

IN COSA CONSISTE

Il bonus, dell’importo massimo di 500 euro, consiste in uno sconto sui costi del canone di abbonamento ad internet in banda ultra larga, sottoscritto per un periodo di almeno dodici mesi, e sulla contestuale fornitura di un dispositivo elettronico (tablet o pc).

La ripartizione del contributo varia a seconda delle offerte presentate dall’operatore. Vi sono tuttavia dei paletti imposti dalla normativa: lo sconto sui servizi di connettività deve essere compreso tra 200 e 400 euro, mentre quello su pc o tablet non potrà superare i 300 euro.

A CHI È RIVOLTO

Il bonus è erogato alle famiglie con reddito inferiore a 20 mila euro che non hanno una connessione internet o che possiedono una connessione a banda larga di base (velocità inferiore a 30 Megabit al secondo). È riconosciuto un solo contributo per ciascun nucleo familiare presente nella medesima unità abitativa.

COME OTTENERLO

Per ottenere il “bonus pc” bisogna rivolgersi direttamente ad uno degli operatori di telecomunicazione accreditato presso Infratel Italia, la società ‘in house’ del Mise cui è stato demandato il compito di attuare il “Piano Banda Larga e Ultra Larga” del Governo. Sarà sufficiente recarsi presso uno dei centri vendita dell’operatore scelto e presentare apposita richiesta, insieme alla copia del proprio documento d’identità e alla dichiarazione sostitutiva che attesti il valore dell'ISEE del nucleo familiare, e si avrà accesso allo sconto diretto al momento dell’acquisto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.