Martedì 19 Gennaio 2021
   
Text Size

“Casa delle Idee”, approvata la variante

La sede della 'Casa delle Idee'

Impegnati ulteriori 19 mila euro per ottimizzare i lavori di riqualificazione

Con determinazione del 24 settembre, l’Ufficio Lavori Pubblici ha approvato la perizia di variante ai lavori di miglioramento funzionale del Laboratorio Urbano Casa delle Idee, aggiudicati dall’impresa Illuzzi Antonio srl.

Il progetto

A marzo 2018 la Giunta Coppi partecipa all'avviso pubblico regionale “Laboratori Urbani in Rete 2017”, presentando un progetto che ambiva a rendere pienamente fruibile il vano T08, ovvero l’ambiente in cui, durante i lavori di restauro del maggio 2014, furono ritrovate importanti tracce archeologiche riferibili all’epoca peuceta.

Qualche mese dopo, a settembre 2018, la Regione Puglia comunica che la candidatura del Comune di Turi è stata accolta e che sarà finanziato l’intero costo dell’opera, pari a poco più di 117mila euro. Si procede, quindi, alla stesura del progetto esecutivo, redatto dopo aver eseguito un sopralluogo congiunto con due referenti del Ministero per i Beni e le Attività culturali, l’architetto Angelamaria Quartulli e la dott.ssa Francesca Radina.

Approvato il progetto esecutivo, predisposto dall’architetto Giambattista del Rosso, a giugno 2019 si apre la procedura di gara per individuare chi dovrà eseguire i lavori. Il 27 settembre, con determinazione dell’Ufficio Lavori pubblici, l’appalto è stato aggiudicato all’impresa “Illuzzi Antonio”, che ha proposto un ribasso del 31,06%.

Successivamente, su richiesta della Soprintendenza Archeologica della Puglia, viene affidato all’archeologa Paola Spagnoletta il compito di seguire tutti i lavori di scavo.

La variante

In corso d’opera, il direttore dei lavori, l’architetto Giuseppe Domenico Sabatelli, ha redatto una perizia in cui documentava la necessità di eseguire lavori aggiuntivi rispetto al progetto originario, quantificati in poco più di 19 mila euro. Le maggiori somme verranno impiegate, tra l’altro, per rendere meno invasiva l’installazione dell’impianto antintrusione e citofonico, per realizzare una protezione allo scavo archeologico e per la sistemazione delle griglie.

Il Responsabile dell’Ufficio Lavori Pubblici, l’architetto Flaviano Palazzo, ha dunque approvato la perizia di variante, costata circa 3.300 euro, dando atto che l’importo complessivo dell’intervento (pari a 117.425,32 euro) resta invariato e che con successivo atto si perfezionerà l’affidamento dei lavori aggiuntivi all’impresa Illuzzi srl, sottoscrivendo apposita lettera commerciale con valore di contratto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.