Martedì 01 Dicembre 2020
   
Text Size

Partiti i Centri Estivi gratuiti

IMG-4065

Fino al 18 settembre mattinate di gioco e sport per i bambini di Turi. In cantiere un progetto per estendere l’iniziativa

Sono partiti lo scorso 31 agosto e proseguiranno fino al prossimo 18 settembre i centri estivi totalmente finanziati dal Comune di Turi. Riguardano bambini residenti nel nostro Comune con un’età dai 6 ai 16 anni, impegnati, nelle mattinate che precedono l’inizio delle attività didattiche, in quattro ore di sport con alcune delle società ludiche, educative e ricreative locali.

A coprire le spese delle tre settimane, un finanziamento regionale che ha permesso al nostro comune di indirizzare 30.193,60 euro per la creazione di “Campi estivi”, secondo quanto dettato dalle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza Covid-19”.

Massimo 20 bambini per società che dalle 9.00 alle 13.00 sono impegnati in giochi ludici o sportivi che sicuramente li incoraggia a riallacciare quei rapporti che a marzo scorso hanno improvvisamente dovuto interrompere.

Non tutte le società ricreative e socio-educative del territorio sono impegnate nella realizzazione di queste attività. Come è avvenuta la scelta delle attività, visto che non tutte quelle sul territorio stanno erogando il servizio? Lo abbiamo chiesto direttamente al sindaco Tina Resta: «Il reclutamento è avvenuto attraverso un bando pubblico, i cui termini sono stati anche prorogati per dare la possibilità di aderire al maggior numero possibile di associazioni». È la Delibera di Giunta Comunale ad esporre la necessità di ampliare la scadenza delle manifestazioni di interesse prorogando dal 20 al 25 agosto i tempi di consegna. «Aggiungo che stiamo preparando un terzo bando proprio per dare l’opportunità di organizzare altri centri estivi nelle ultime due settimane di settembre, chiaramente nella fascia pomeridiana per non sovrapporsi all’attività didattica. In questo nuovo avviso pubblico, abbiamo riservato una percentuale dei posti ai bambini che verranno indicati dai servizi sociali; inoltre, verrà data priorità ai bambini diversamente abili e a quelli che non hanno mai usufruito del servizio».

Quindi si prospetta un prossimo impegno da parte del Comune verso un aiuto alle famiglie che ne fanno richiesta. «Abbiamo in mente di stipulare convenzioni con i privati affinché possano accedere alle attività ludico-ricreative anche i bambini le cui famiglie sono in condizioni di disagio economico. L’idea, che abbiamo già attuato quest’estate quando abbiamo concesso in uso le aree verdi ad alcune associazioni locali, mira a creare una vera integrazione delle famiglie fragili, non limitandosi al solo contributo economico, ma inserendole in una rete di relazioni sociali» - ha quindi aggiunto il sindaco Resta.

Importante, in ogni situazione, è garantire la massima attenzione ai bambini e ai luoghi che frequentano. Ecco che sin dal primo momento, ogni società ha incontrato i bambini nel pieno rispetto della normativa, misurando la temperatura a bambino e accompagnatore, invitando ad usare correttamente la mascherina nei luoghi e nei momenti di ingresso e di uscita, disinfettando le attrezzature dopo ogni uso.

CINZIA DEBIASE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.