Domenica 11 Aprile 2021
   
Text Size

Bilancio consolidato delle imprese: cosa prevede il Decreto Cura Italia

Image_bilancio consolidato imprese novità

Con il Decreto Cura Italia sono state introdotte delle misure importanti in tema di approvazione del bilancio 2019. Modifiche necessarie per andare incontro a società ed enti in questo momento particolare per il nostro Paese: queste riguardano la proroga dei termini di approvazione e il potenziamento della partecipazione alle assemblee tramite mezzi di telecomunicazione al fine di garantire il distanziamento sociale.

I nuovi termini per la convocazione delle assemblee e il deposito dei bilanci

Per quanto riguarda l’estensione dei termini di approvazione del bilancio, questi consentono alle società di convocare l’assemblea ordinaria entro un termine più ampio rispetto a quello ordinario: dai 120 giorni standard previsti dall’art. 2364, comma 2, c.c. e dall’art. 2478-bis, al nuovo limite concesso in deroga di 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale. Ciò significa che le adunanze per l’approvazione dei bilanci 2019 potranno essere convocate entro il 28 giugno 2020 (facendo però attenzione, dal momento che quest’anno cadrà di domenica). Queste misure non intervengono però sui termini previsti per il deposito presso il Registro delle imprese dei bilanci e degli atti collegati, disciplinati dall’art. 2435 c.c. Il termine ordinario resta quindi di 30 giorni dall’approvazione del bilancio stesso. Tra le varie misure previste dal Decreto Cura Italia, inoltre, c’è anche la possibilità di intervento in assemblea mediante mezzi di comunicazione o l’espressione di voto per corrispondenza, anche per le società che da statuto non prevedevano queste soluzioni. L’importante è che le riunioni telematiche diano la possibilità di identificare i soci, ne garantiscano la partecipazione e l’esercizio del diritto di voto, il tutto senza l’obbligo di presenza nello stesso luogo di presidente, notaio e segretario.

La crescita dei bilanci consolidati dei gruppi Estra e Ferrero

Gli enti locali sono obbligati a redigere il bilancio consolidato e – ai sensi del nuovo art. 27 del D.Lgs. 127/1991 - lo stesso vale per i gruppi che per due anni consecutivi abbiano soddisfatto almeno due di questi requisiti dimensionali:

  • Un attivo dello stato patrimoniale di almeno 20 milioni di euro;
  • Un fatturato di almeno 40 milioni;
  • Un numero di dipendenti annuo medio di almeno 250.

Si tratta di un documento ufficiale che disegna la situazione finanziaria di un gruppo costituito da più imprese, ma per capire meglio cosa sia il bilancio consolidato conviene approfondire l’argomento su specifici siti dedicati alle imprese. A titolo esemplificativo può essere interessante analizzare la situazione di due grandi gruppi che hanno già provveduto a redigere il bilancio consolidato relativo al 2019 e che registrano numeri più che positivi. Nel primo caso si parla del Gruppo Estra, multiutility attiva in servizi energetici e nelle telecomunicazioni in tutto il Centro Italia, che ha conseguito ricavi totali per 997 milioni di euro (+18% rispetto agli 843 del 2018), incremento originato principalmente dalla vendita di gas naturale e di energia elettrica con maggiori volumi venduti. Il margine operativo lordo (EBITDA) si è attestato a 97,2 milioni, in aumento di 26 milioni (+ 37%) in confronto al 2018 (71,2 milioni). Il secondo riguarda Ferrero International S.A., la storica azienda italiana specializzata in prodotti dolciari, che registra un fatturato consolidato di 11,4 miliardi di euro e una crescita del 6,2% rispetto all'anno precedente, quando aveva messo a referto 10,7 miliardi di euro.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.