Martedì 04 Agosto 2020
   
Text Size

Matteo e Spank, una storia a lieto fine

Il piccolo Matteo e Spank

Il ritrovamento di Spank: un cagnolino ma soprattutto un amico

Quella che stiamo per raccontarvi è una storia che, in un periodo di disordine e confusione generale, ci rincuora e riaccende la speranza. Quella speranza che, se riusciamo a risolvere le piccole cose con grande umanità, allora non verrà meno anche in situazioni più difficili.

È martedì 31 marzo quando su Facebook compare un post in cui si denuncia la scomparsa di Spank, un cucciolo di Spritz molto affettuoso e non abituato a vivere in strada. Quasi fin dalla sua nascita, Spank è stato il compagno di vita di Matteo, un bambino di 8 anni che è molto affezionato al suo cagnolino, tanto da considerarlo quasi un fratello.

A distanza di un paio d’ore dall’allerta, il cucciolo viene notato nei pressi di Largo Pozzi: una cittadina, che stava portando a passeggio il proprio cane, lo riconosce ed ha la prontezza di spirito di fotografarlo e di avvisare i proprietari. Tuttavia, dopo un secondo avvistamento in via Vecchia Casamassima, si perde ogni traccia del cane, gettando nello sgomento il piccolo Matteo.

spank

Seguono tre giorni di incessanti ricerche ma di Spank non si hanno notizie. Arriviamo così a sabato 4 aprile, quando i proprietari decidono di contattare l’assessore Graziano Gigantelli per chiedere la possibilità di far intervenire i cani molecolari. Presa a cuore la vicenda, l’assessore invita attraverso i canali social l’intera cittadinanza a collaborare, segnalando eventuali avvistamenti. L’appello non cade nel vuoto: trascorsa qualche ora, a Gigantelli viene riferito che una signora aveva trovato un cagnolino corrispondente alla descrizione fornita. Nella tarda serata dello stesso giorno, l’assessore si reca a casa della cittadina assieme a Matteo, accompagnato dal papà. Con rammarico si accerta che il cucciolo, pur avendo stessa taglia e stesso colore, non è Spank.

Domenica 5 aprile, quando le ricerche procedono ancora invano e la speranza inizia ad affievolirsi, un aggiornamento dell’assessore Gigantelli informa che la mattina del giorno seguente sarebbe intervenuta la squadra dei cani molecolari. Difatti, insieme al sindaco Resta, si è provveduto a contattare l’associazione “S.A.S.S. Puglia” (Servizi Ausiliari per la Sicurezza Stradale e Sociale), specializzata appunto nelle operazioni di ricerca attraverso queste particolari unità cinofile, addestrate per seguire gli indizi lasciati involontariamente da esseri umani o animali. La cosa impressionante è che riescono a fiutare non solo passaggi recenti, ma anche quelli avvenuti tempo prima.

L’arrivo della squadra è, dunque, fissato per la mattinata di lunedì 6 aprile e si è predisposto il supporto di un drone, che dall’alto consentirà una maggiore rapidità nella mappatura del territorio. «C'è la possibilità – scrive nel frattempo Gigantelli – che il cane sia stato trovato da qualcuno, che non utilizza Facebook, che lo ha accolto nella propria casa... Per questo motivo vi chiediamo di raccontare ai vostri vicini quanto accaduto a Spank. Potremmo ottenere maggiori informazioni che al momento non abbiamo perché la quarantena ce lo impedisce...».

spank

Un messaggio che sa di “profezia” perché all’alba di lunedì Spank torna a casa. A segnalarlo sono gli stessi proprietari che lo sentono abbaiare dietro il cancello. Dopo un doveroso bagnetto e un’abbondante colazione, il cucciolo è pronto per le coccole di Matteo, che può ritornare a sorridere gettando alle spalle una settimana da dimenticare.

I proprietari hanno tenuto a ringraziare pubblicamente tutti i coloro che sono stati vicini nell’accaduto, sostenendo la famiglia e aiutando nelle ricerche. Anche il piccolo Matteo, felicissimo di aver ritrovato il suo amichetto, ringrazia immensamente per avergli permesso di tornare ad abbracciare, ancora una volta, Spank. Encomiabile l’impegno dell’assessore Graziano Gigantelli e delle volontarie del canile di Turi, come sempre pronti a mobilitarsi se un amico a quattro zampe si trova in difficoltà. Insomma, “tutto è bene quel che finisce bene”.

SIMONA BIANCO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.