Martedì 11 Agosto 2020
   
Text Size

“Durazzo ama l’Italia”

albania

Esposta nel Comune di Durazzo una bandiera in segno di solidarietà verso l’Italia duramente colpita dal COVID-19

In segno di solidarietà verso un'Italia, duramente colpita dal Coronavirus, nel comune di Durazzo è stata esposta una bandiera con la scritta "Durazzo ama l'Italia". Sul grande drappo è raffigurato un cuore, diviso in due parti, con la bandiera italiana da un lato e la bandiera albanese dall'altro.

Come tutti sanno, l’Italia agli inizi degli anni ’90 ha accolto vere e proprie ondate di albanesi, accorsi nella nostra nazione durante la cosiddetta “shqiptarët në Itali”, ovvero la “diaspora in Italia” successiva alla caduta della Repubblica Popolare Socialista d’Albania avvenuta nel ’91.

Un’altra circostanza, più recente, che ha visto gli italiani in prima linea ad aiutare il popolo albanese, risale allo scorso novembre, quando proprio Durazzo veniva colpita al cuore da un terribile terremoto. Ne sanno qualcosa Nicola Lacidogna e Nicola Digilio della Protezione Civile di Turi, partiti all’epoca in Albania per dare il proprio diretto contributo durante le operazioni di allestimento di un campo necessario ad accogliere gli sfollati.

Dimenticare chi, senza chiedere nulla, ha prestato il proprio aiuto nelle situazioni di estrema difficoltà è qualcosa che, forse, appartiene a ben pochi esseri dis-umani; di certo non agli albanesi che, in questi giorni, come detto inizialmente, hanno voluto far sentire la propria vicinanza al popolo italiano con una bandiera simbolica che vuol dire molto. Ancora una volta, e non ci stancheremo mai di dirlo, è necessario ribadire come il corso degli eventi possa ribaltare le prospettive, rovesciare i ruoli e le dialettiche: chi ieri aiutava, oggi ha bisogno d’aiuto e viceversa.

Nell’impietoso numero di decessi che viene di ora in ora aggiornato, la consapevolezza migliore che il Coronvirus può lasciarci consiste nel ricordare, ora e per sempre, di essere tutti sotto lo stesso cielo e che le cose cambiano, ma che la solidarietà tra popoli deve rimanere al di là delle contingenze e degli interessi economici i quali, come visto, garantiscono prima di tutto i profitti, poi, forse, la vita.

LEONARDO FLORIO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.