Mercoledì 11 Dicembre 2019
   
Text Size

700 mila euro per rendere ‘intelligente’ il nostro centro storico

Municipio Turi

Pubblica illuminazione e varchi ZTL videosorvegliati, affidata la progettazione

A maggio 2017 la Città Metropolitana di Bari sottoscriveva il “Patto per lo Sviluppo” con il Consiglio dei Ministri, istituendo un fondo di rotazione, della capienza di 230 milioni di euro, per supportare i 41 Comuni dell’ex provincia nella realizzazione di opere infrastrutturali.

Il 20 aprile 2018 il Comune di Turi invia lo schema del progetto che intende candidare a finanziamento: un intervento integrato, limitato al centro storico, che prevede l’adeguamento della pubblica illuminazione e il monitoraggio degli accessi nella zona a traffico limitato.

Poiché i lavori devono essere affidati entro dicembre 2019, pena la perdita del finanziamento, l’Amministrazione Resta ha optato per affidare l’incarico di progettazione a un professionista esterno. Il tecnico individuato è l’ing. Marcello Desiderato che, offrendo un ribasso del 5% sull’importo delle prestazioni a base di gara, si vedrà riconoscere il corrispettivo di 24.813,27 euro, comprensivi di iva e contributi previdenziali.

 

Il progetto

L’intervento candidato, del costo complessivo di 700 mila euro, si pone lo scopo di valorizzare il centro storico, «favorendo il passeggio lungo le viuzze storiche (come via Sedile e via Sant’Andrea) e la visita delle emergenze architettoniche quali Palazzo Marchesale, Chiesta Matrice, Chiesa di Santa Chiara e l’ex Convento delle Clarisse, Chiesa di Santa Maria Assunta, Chiesa e Convento di San Giovanni Battista».

In sostanza, si procederà a sostituire gli attuali lampioni con nuovi corpi illuminanti a LED di ultima generazione e ad adeguare i 65 quadri elettrici. I nuovi apparecchi saranno integrati con schede incorporate che consentiranno di telecontrollarne accensione, potenza e guasti. Si creerà così una “rete intelligente” in grado di «trasmettere dati (grazie all’integrazione fra un sistema di applicazioni e di sensori) non solo per la gestione ordinaria della pubblica illuminazione, ma anche per erogare servizi innovativi dal punto di vista dell’ambiente (monitoraggio ambientale ed acustico), dell’energia (informazioni sul consumo degli utenti), della mobilità (traffico), della sicurezza, della raccolta dei rifiuti».

Per quanto attiene la zona a traffico limitato, il progetto prevede un sistema di videosorveglianza in corrispondenza dei varchi di accesso all’area. Con l’ausilio di un software dedicato, in grado di acquisire in tempo reale le immagini catturate dalle telecamere e di codificare le targhe, il Comando della Polizia Locale potrà rilevare i veicoli non autorizzati ad entrare nella ZTL e sanzionarli.

FD

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.