Sabato 19 Ottobre 2019
   
Text Size

Lavoratori stagionali: un modello d’accoglienza da rivedere

stagionali 2019 (3)

Impeccabile il lavoro delle Forze dell’Ordine, nonostante il numero dei braccianti sia aumentato a dismisura

Mentre si è agli sgoccioli dell’annata cerasicola, il numero dei lavoratori stagionali inspiegabilmente va aumentando, lasciando sospettare che la manodopera dei braccianti possa essere stata “prenotata” anche per la stagione dell’uva, magari da agricoltori che hanno i propri campi nei paesi limitrofi.

Già in partenza i posti disponibili nei 34 moduli abitativi erano risultati insufficienti ad accogliere tutti gli stagionali, tanto è vero che si era tacitamente “tollerata” la presenza di una decina di tende all’esterno della foresteria, concedendo anche la possibilità di utilizzare i servizi igienici presenti nel campo di accoglienza per garantire gli standard igienici minimi.

stagionali 2019 (2)

In questi giorni, tuttavia, la situazione è paradossalmente peggiorata: le tende si sono moltiplicate e in aggiunta, come ci riferiscono i residenti limitrofi all’area, ogni sera compaiono numerose auto che costeggiano il campo sportivo, all’interno delle quali i lavoratori trascorrono la notte in condizioni di fortuna.

Nonostante le condizioni non propriamente ottimali, una nota di merito va alle Forze dell’Ordine: la maglia dei controlli eseguiti dai Carabinieri della locale Stazione e dalla Polizia Municipale ha funzionato senza sbavature: non si è registrata nessuna denuncia o segnalazione di atti violenti, a esclusione dell’episodio di ubriachezza molesta che si è verificato durante la Sagra, con i responsabili che sono stati prontamente bloccati e sanzionati dai militari.

L’attività di monitoraggio è continuata incessante anche nell’ultima settimana: i militari hanno provveduto a generalizzare i nuovi arrivi, finora risultati tutti muniti di regolare permesso di soggiorno, facendo passare il messaggio che non ci sarà alcuna tolleranza sul rispetto dei termini dell’ordinanza di chiusura della foresteria. Il 30 giugno, quando con ogni probabilità i cancelli del campo d’accoglienza saranno chiusi, tutti i braccianti dovranno lasciare Turi. E in caso di necessità, le Forze dell’Ordine, in sinergia con sindaco, Prefettura e Polizia Municipale, saranno pronte a intervenire con gli sgomberi.

In conclusione, appare evidente che questo modello d’accoglienza, sebbene abbia il merito di aver migliorato il fronte del decoro urbano, presenta delle falle che andranno affrontate nell’immediato, se si vuole evitare che il prossimo anno ci si ritrovi a fare i conti con gli stessi problemi. I punti da cui partire sono gli stessi che abbiamo più volte richiamato. In primis, occorre mappare con precisione chi sono i datori di lavoro che necessitano di questa manodopera e coinvolgerli attivamente nella gestione del fenomeno. In secondo luogo, è indispensabile quantificare quanti sono i braccianti che realmente lavorano a Turi per una duplice ragione: tarare le misure d’accoglienza sul reale numero di stagionali che sono impiegati nelle nostre campagne e raccordarsi con i Comuni limitrofi per responsabilizzarli, invitandoli a fare la propria parte smettendo di addossare il costo sociale esclusivamente sulla nostra comunità.

FD

Commenti  

 
Grillo parlante
#3 Grillo parlante 2019-07-01 09:09
Ma lo capiscete, Aoooohhhh Belliiiii la tendopoli non va bene a MAMMA ROSA... e i LEONI vescovo compreso. Occhio Tina, apri l'occhio !A villa Menelao, scià l'anno che viene a villa menelao, dihgelo a Boccaddi.AaaaHHHHhaahhaa !
Citazione
 
 
Grillo parlante
#2 Grillo parlante 2019-06-28 15:29
La situazione è controllabile: basta allestire la spontanea tendopoli non intorno al campo di calcio ma nel recinto accanto al canile comunale. La chiusura del cancello garantirebbe agli OSPITI STAGIONALI anche una sicurezza contro furtive situazioni. Basta una cisterna di acqua potabile e un paio moduli x i bisognini corporali. I lavoratori più SciK alloggino in ALBERGO 5 stelle, quello BENEDETTO dal GIUBILEO .
Citazione
 
 
Monti
#1 Monti 2019-06-27 12:58
Il problema non esiste.
Questa è solo una porcata locale .
Questi lavoratori non sono
Ne PROFUGHI TANTO MENO CHE DISPERATI
solo in questo comune avete creato un disagio
Questi ragazzi guadagnano anche 70 euro al giorno
Quindi non ci sono le condizioni rivedere il campo
Ma solo di far dare vitto e alloggio a chi li assume
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.