"Area sgambatura", approvato il regolamento

Boschetto Zaccheo

Il passo successivo sarà attrezzare gli spazi dedicati agli amici a quattro zampe

Nell'attesa che si completi l'iter per istituire le "aree sgambatura" per cani, il Commissario Straordinario ha approvato il regolamento che ne disciplina l'uso.

Si concretizza, anche se con qualche mese di ritardo, la prima parte dell'indirizzo politico contenuto nella deliberazione del 7 settembre 2018, in cui il dott. Cantadori demandava al responsabile del Settore Lavori Pubblici il compito di predisporre, entro 30 giorni dall'approvazione delle delibera, "il regolamento comunale per la gestione e la fruizione delle aree di sgambatura cani".

In quella deliberazione, inoltre, il Commissario formalizzava l'intenzione dell'Amministrazione di offrire alla cittadinanza ulteriori spazi in cui portare a passeggio i propri cani. Ragion per cui, oltre al giardino di via Conversano indicato dalla Giunta Coppi nel settembre 2017, si includeva anche una porzione del cosiddetto Boschetto Zaccheo. E veniva disposto che fosse il Settore Lavori Pubblici a delimitare lo spazio che dovrà essere riservato ai cani, installando una recinzione con cancello di ingresso e idonei cestini per la raccolta delle deiezioni canine. Operazioni che dovrebbero essere precedute da un avviso pubblico per la ricerca di sponsor privati, in modo da contenere la spesa pubblica per la realizzazione dell'area.

 

I compiti del Comune

Ritornando al regolamento, iniziamo col precisare che l'area sgambatura, come noto, è un'area verde comunale, opportunamente recintata e segnalata, dove è consentito l'accesso ai cani anche non tenuti al guinzaglio e privi di museruola, purché sotto la costante sorveglianza dei loro proprietari/conduttori, che dovranno attenersi alle norme contenute nel regolamento stesso.

In base alle norme approvate lo scorso 14 dicembre, al Comune spetterà il compito di installare l'opportuna segnaletica all’ingresso dell’area; inoltre periodicamente, o quando se ne ravvisi la necessità e l'urgenza, dovrà provvedere alla pulizia e allo sfalcio dell'erba, alla disinfestazione, alla disinfezione e allo svuotamento dei cestini. Tutte attività che potranno essere demandate ad uno sponsor privato, da individuare secondo le procedure di legge.

 

I doveri dei fruitori

Oneri e obblighi ci saranno anche per i fruitori dell'area. Per prima cosa, l’accesso è consentito ai soli cani vaccinati e regolarmente iscritti all’anagrafe canina del Comune. Inoltre, i minori possono entrare esclusivamente se accompagnati da persona maggiorenne e se nell'area è presente solamente il proprio cane.

I proprietari/conduttori devono sempre portare con sé guinzaglio e idonea museruola, a tutela dell'incolumità degli altri utenti (persone e cani) eventualmente presenti nell'area e possono lasciare liberi i propri cani purché ciò avvenga sotto il loro costante controllo, dopo aver verificato l’assenza di incompatibilità comportamentali fra i vari cani.

In tutta l'area di sgambatura è vietato svolgere attività di addestramento e somministrare cibo ai cani. Infine, a garanzia dell'igiene e del decoro dell'area di sgambatura, è fatto obbligo ai proprietari/conduttori dei cani di raccogliere eventuali deiezioni del proprio cane e provvedere a depositarle negli appositi contenitori presenti nell'area.

La funzione di vigilanza sul rispetto del corretto uso dell'area sarà svolto dagli agenti della Polizia Locale e dalle altre forze di Polizia Municipale e Asl.