Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

“Tre bicchieri” per il Primitivo Giuliani

Vito Donato Giuliani

Vini d’Italia 2019 premia il Gioia del Colle Primitivo Baronaggio Riserva 2015

È il Gioia del Colle Primitivo Baronaggio Riserva 2015 ad alzare il suo calice festeggiando il prestigioso “Tre bicchieri” per la guida Vini d'Italia 2019 del Gambero rosso.

Un vino pregiato, fatto maturare per due - o tre anni - in botte ed in grado di infondere eleganza e corposità al palato. Abbiamo voluto parlare del premio con Vito Donato Giuliani.

Cosa rappresenta questo riconoscimento per la sua azienda?

"Siamo fieri ed orgogliosi di questo premio, importante a livello nazionale ed internazionale. Un riconoscimento che dedico a mio padre, colui che ha avviato l'azienda ma che non ha mai ricevuto alcun elogio. Dal lavoro di mio nonno è disceso quello di mio padre che ha fatto crescere l’azienda che oggi ha ricevuto questo omaggio. Devo ringraziare però tutti coloro che a vario titolo lavorano nell'azienda. Grazie agli enotecnici ed enologi ma anche di tutti gli operai e agli addetti al lavoro nei campi".

 

Cosa rende il Gioia del Colle Primitivo Baronaggio un vino degno da “Tre bicchieri”?

"Il vino è prodotto con grande attenzione, una cura che parte dalla pianta e termina con la bottiglia. La coltivazione biologica unita al lavoro manuale ne arricchisce il prestigio. Il raccolto è realizzato senza deteriorare il grappolo, effettuiamo una selezione in campo e scegliamo solo i grappoli migliori da cui ricavare il vino".

 

Quali caratteristiche ha il vino premiato dalla guida dei vini del Gambero Rosso? E quale può essere il suo migliore abbinamento gastronomico?

"Corposo ricco ed elegante. Al palato sapori di frutti rossi. Nel Gioia del Colle Primitivo Baronaggio annata 2015 troviamo tutti i sapori della nostra terra; dalla ciliegia alla prugna, more e fragole, un rosso che, sorseggiato, dona un gusto avvolgente, morbido ed elegante. È questa sua caratteristica a conferirgli una grande capacità di abbinamento con la selvaggina, gli arrosti, funghi e formaggi stagionati. La brace forma un velo amarognolo sulla carne; il primitivo avvolge il palato lo pulisce dal sapore amaro. Possiamo azzardare, in questo senso, un paragone con il Barolo".

 

Com'è andata l’ultima annata vitivinicola?

"Devo ammettere che ci aspettavamo un'annata eccellente, ma due o tre piogge hanno creato qualche difficoltà. Tutto sommato è una buona annata. Il primitivo sta dando ottimi risultati mantenendo una gradazione di 14°/15°. Siamo nella fase finale di questa vendemmia, avviata verso fine agosto, in anticipo rispetto agli anni precedenti ma posso ben dire che il prodotto di quest'anno farà ben parlare nel prossimo futuro".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI