Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

Assegnazione alloggi popolari

comune di Turi

Nei prossimi giorni verranno assegnati i 4 alloggi messi a disposizione dall'ARCA ad altrettanti nuclei famigliari.

L'assegnazione avverrà tramite determina del Settore Urbanistica, dopodiché i beneficiari sottoscriveranno il contratto con ARCA.

Il Comune sta realizzando degli interventi volti alla messa a disposizione di ulteriori 19 alloggi da assegnare alle famiglie utilmente collocate in graduatoria di cui al bando 1/20I5.

Per 7 di tali alloggi si è in attesa degli allacci ai servizi (acqua, luce, gas), già richiesti dal Comune. Appena tali allacci saranno effettuati sarà possibile la redazione del Certificato di Regolare Esecuzione e avviare le procedure di assegnazione.

Ulteriori 12 alloggi, di nuova edificazione, sono in fase di ultimazione. Terminati i lavori e redatto il C.R.E. si avvieranno le procedure di assegnazione.

Il Commissario Straordinario
Andrea Cantadori

Commenti  

 
B.Eefante
#1 B.Eefante 2018-09-28 19:34
Finalmente. Erano quasi due anni dalla pubblicazione della graduatoria. Ma le case pur disponibilissime non venivano assegnate.
E perchè, nonostante ci fosse gente senza tetto in graduatoria?
Il perchè è riconducibile alla solita politica squallida e clientelare della falsa sinistra che per accontentare qualche persona che non voleva l'assegnazione in via Rutigliano(case vecchie) ma voleva aspettare che fossero pronte le case nuove in via Conversano, aveva bloccato le assegnazioni, anzichè procedere e in caso di rinuncia di qualcuno passare a chi seguiva in graduatoria e che(non avendo casa) non vedeva l'ora di averne una quandanche vecchia.
SEGNALATA LA COSA AL COMMISSARIO LA CUCCAGNA LA LEGALITA' è STATA RIPRISTINATA, e chi rinuncia a via Rutigliano sarà eliminato dalla graduatoria, da questa ovviamente, mentre potrà riproporsi per il prossimo bando. In sostanza in via Rutigliano ci andrà chi ha veramente bisogno.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI