Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Alma Bamboo alle Tenute Carrisi

Alma Bamboo alle  Tenute Carrisi (4)

Gelato, cosmesi e tanto altro… è il mondo del bamboo gigante

Continua a crescere l’interesse e l’impegno di tanti italiani nei confronti di una produzione bio, naturale, dagli innumerevoli risvolti. E dopo il grande successo del Gala Natalizio dello scorso dicembre, il Gruppo Alma Consulting ha organizzato un Gala di inizio estate 2018, in occasione dell’inaugurazione dei nuovi impianti di bambù gigante "Alma Bamboo Nove" e "Alma Bamboo Dieci". Occasione molto ghiotta per il Gruppo Alma che si afferma nel mercato nazionale firmando nuovi insediamenti di bambuseti nel territorio del sud Italia dove, proprio nello scorso fine settimana ha inaugurato due nuove società di cinque ettari ciascuna, nel territorio brindisino.

«Un’occasione anche per la Puglia, terra tradizionalmente votata all’agricoltura, per investire nel business del bambù gigante, che oltre ad essere etico e “green” si sta sempre più affermando come un’opportunità vincente, con le sue oltre 1.500 applicazioni commerciali».

«Noi del gruppo Alma, inoltre, acquistiamo i terreni e creiamo le foreste di bamboo e, negli insediamenti nove e dieci abbiamo anche introdotto la lombricoltura» - ci ha informati Alessandra Ferro del Gruppo Alma.

Per festeggiare questo percorso e offrire approfondimenti sui progetti aziendali e sulle ultime novità di “casa Alma”, una location d’eccezione, quale quella “Tenute Al Bano Carrisi” a Cellino San Marco.

Qui, tanto l’interesse mostrato dai padroni di casa nei confronti delle novità portate dal Gruppo Alma, tra le quali la cucina dello chef Marianna Ziliati, che ha preparato un menù tutto a base di prodotti derivati dal bamboo e il nuovo gelato, sperimentato e apprezzato da tutti gli ospiti. «Durante la due giorni - ha poi concluso Alessandra Ferro - sono stati presentati anche i nuovi cosmetici derivati delle piante del bamboo».

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI