Sabato 20 Ottobre 2018
   
Text Size

Pozzanghere da record

Asilo Madre Teresa di Calcutta

Botta e risposta tra Giovanni Settanni e Fabrizio Resta sullo stato delle strade turesi

Le abbondanti precipitazioni degli ultimi giorni hanno nuovamente messo a nudo tutte le criticità della viabilità turese. Oltre a distinguersi per la presenza di buche, le nostre strade si caratterizzano per l'incapacità di far defluire l'acqua piovana, vuoi per l'assenza di una adeguata rete fognaria bianca, vuoi per tombini e griglie spesso intasati. Dunque ad ogni pioggia, inevitabilmente, si creano pozzanghere da guinness dei primati, con tutti i conseguenti disagi per i pedoni.

È Giovanni Settanni ad aprire la discussione, proponendo, in un post sarcastico, di candidare Turi per le Olimpiadi estive del 2028, dal momento che "le piscine ci sono già ...". Segue uno scrupoloso reportage dello stato di alcune vie cittadine invase dall'acqua stagnante.

Se alcuni utenti rilanciano con l'iscrizione alla gara "scanza la buca in graziella", altri ne approfittano per segnalare le situazioni di difficoltà che si presentano a ridosso delle scuole, in particolare dell'Ites "Pertini" e dell'asilo Madre Teresa di Calcutta.

Il confronto poi diventa tutto politico, in un serrato botta e risposta tra lo stesso Settanni ed il segretario di Sinistra Italiana Fabrizio Resta.

"Perché quando eravate voi al governo di questo paese le strade non si allagavano? Personalmente - inizia Resta - volevo partecipare ai finanziamenti per le fogne bianche. È venuto fuori anche sul giornale ma purtroppo siamo caduti e quindi non è stato possibile. Che lo sappiano i cittadini".

"Con l'Amministrazione Gigantelli - replica puntuale Settanni - furono rifatte le principali 14 strade comunali. Con l'Amministrazione Coppi quante?".

Dopo aver ricordato che ci sono fondi già destinati per il rifacimento delle strade, Resta si difende: "Noi più che lavorare fino alla fine non potevamo fare. Posso prendermi le responsabilità di quello che abbiamo fatto ma non certamente per quello che non ci hanno permesso di fare. Sono altre le persone che devono fare autocritica". Ed incalzato sullo stato dei lavori al Cimitero, sull'illuminazione pubblica e sul ponte di via Conversano, risponde seccamente: "Sono tutti argomenti di cui si sono occupate persone "cadute". Chiedilo a loro".

"È evidente - prova una sintesi il coordinatore di Fratelli d'Italia, Giacomo De Carolis - che la prossima Amministrazione metta come priorità del programma politico lo stato idro-geologico delle strade del paese con una rivisitazione delle pendenze che non esula dal rifacimento delle stesse, stiamo già lavorando".

La nuova piscina olimpionica di Turi...
La nuova piscina olimpionica di Turi...

Via Tenente Marco Gasparro
Via Tenente Marco Gasparro

Via Mola
Zona via Mola

Asilo Madre Teresa di Calcutta
Asilo Madre Teresa di Calcutta

Commenti  

 
Abitanti
#5 Abitanti 2018-04-08 10:08
Qualcuno ha dimenticato di menzionare la zona di VIA CONVERSANO, praticamente da ANNI un MARE A CIELO APERTO. Concordiamo in pieno con il signor Mike, ma qui a Turi, sono pochi i fucili da combattimento, solo foderi... E questo ne e' il risultato...
Citazione
 
 
Mino Miale
#4 Mino Miale 2018-04-07 18:04
D'ora in poi ci lamenteremo con la gestione COMMISSARIATA . Tutto al suo posto ... come prima e più di prima ... fin che la barca và !
Citazione
 
 
mike
#3 mike 2018-04-06 21:41
Come al solito...uno scarica barile continuo.Ohhh qua il paese è nostro,ognuno di noi si deve far carico che le cose vanno bene.............
Citazione
 
 
polemico
#2 polemico 2018-04-04 19:37
credo che le immagini parlano chiaro, per non parlare di molte strade praticamente impercorribili, perchè ci sono crateri larghi e profondi. magari qualcuno si faccia un giro, ed una bella cura di fosforo perchè il paese così abbandonato non lo è stato mai
Citazione
 
 
Peppinocarenza
#1 Peppinocarenza 2018-04-04 18:35
Perchē non fare un allevamento ittico?????????????????
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI