Mercoledì 23 Maggio 2018
   
Text Size

Turi imbiancata dalla neve

Neve - Villa (1)

Come annunciato dai bollettini meteo regionali, la neve ha imbiancato anche Turi. Da qualche timido fiocco si è passati, nella tarda mattinata di martedì 27, ad un'intensa nevicata, esauritasi nel giro di poche ore, che ha coperto le nostre strade di un fascinoso manto bianco.

Va dato atto che, questa volta, la macchina amministrativa si è mossa per tempo, circoscrivendo la maggior parte dei disagi che si verificano di fronte alle "emergenze nevose" che i nostri comuni, generalmente, sono impreparati a gestire. Difatti il Centro Operativo Comunale, presieduto dal sindaco Coppi, ha predisposto già dalla sera del 26 febbraio l'azione dei mezzi spargisale, intervenuti sulla viabilità principale per prevenire la formazione del ghiaccio e garantire la sicurezza stradale ed il regolare svolgimento delle attività lavorative. Provvedimento che si è ripetuto anche nell'arco della giornata di martedì.

Inoltre, grazie all'impegno dei volontari della Protezione Civile e degli agenti della Polizia Locale, supportati dai Carabinieri della Stazione di Turi, il territorio è stato opportunamente monitorato, prestando soccorso agli isolati automobilisti rimasti in panne e assicurando assistenza ad anziani in difficoltà o con particolari esigenze cliniche.

Con la neve sono "fioccate" anche le polemiche, che hanno tenuto banco sopratutto sui social. Giovanni Settanni ha dato notizia della caduta di alcuni bambini all'ingresso della scuola elementare, perché pare ci sia "dimenticati" di spargere il sale nell'atrio dell'Istituto. Altri hanno sottolineato la mancata tempestività nell'emanare l'ordinanza di chiusura delle scuole, arrivata solo nella tarda mattinata di martedì e valida per il giorno successivo. Una lacuna che ha spinto molti genitori, allertati dall'intensificarsi della neve, a decidere in autonomia di andare a prendere da scuola i propri figli prima della fine delle lezioni.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI