Lunedì 20 Agosto 2018
   
Text Size

Riparati i gradini dell'asilo Madre Teresa di Calcutta

gradini asilo Turi

Il post della Caldararo: "Allarmismo politico e strumentale"

Dopo la segnalazione di Fratelli d'Italia, che abbiamo ripreso nell'ultimo numero del nostro giornale, i gradini della scala d'ingresso dell'asilo Madre Teresa di Calcutta sono stati ripristinati. A condividere il lieto fine della vicenda è stato lo stesso Massimo Sportelli, membro del direttivo di FdI, autore del post di denuncia che, evidentemente, non è passato inosservato. Tant'è vero che lo stesso assessore Giusy Caldararo ha replicato, sulla sua bacheca Facebook, con un intervento chiarificatore che vi riportiamo di seguito.

"Preme innanzitutto sottolineare - scrive l'assessore - che pur trattandosi di scuole e di Lavori Pubblici con ufficio di pertinenza, dalla foto si evince un problema di natura strutturale, quindi ritengo di dover rispondere in quanto appunto trattasi di Scuola e di sicurezza e incolumità di minori, messe in campo da chi scrive il post con la foto riportata".

"Considerando che, negli immobili comunali gestiti da altri enti, la manutenzione si divide in ordinaria e straordinaria, la prima di competenza dell'ente scolastico, la seconda di competenza dell'Ente locale. Premesso - prosegue la Caldararo - che con delibera di giunta l'Ente locale stanzia e invia alla Scuola euro 9.000,00 per anno scolastico per manutenzione ordinaria, e visto che si tratta semplicemente di un gradino che si muove appena, si deduce che l'Ente scolastico sicuramente chiamerà un tranquillo piastrellista che metterà in sicurezza il gradino".

"Certo - chiosa l'assessore - si poteva enfatizzare meno sia con il nastro di sicurezza, sia con l'allarmismo politico e strumentale messo in campo. Giustamente, con i tempi che corrono, tutto fa bene e accresce l'opinione pubblica che da sempre ha necessità di essere condotta nel pensiero. I social, in tal senso, aiutano".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI