Sabato 21 Ottobre 2017
   
Text Size

Boccardi: Polignano porta bene anche a Turi

Michele Boccardi

Michele Boccardi, senatore turese, rappresentante del nostro territorio a Palazzo Madama, segue da Roma, con costante interesse, e anche con un po’ di preoccupazione, la campagna elettorale per le amministrative di domenica 11 giugno.

Prendi Polignano, per esempio. “È una Ferrari in corsa” – fa notare il dott. Boccardi, che questa settimana ci accoglie a Villa Menelao, mentre fervono i preparativi per le nozze.

“È una Ferrari in corsa, e come tale, se alla guida ci metti le persone sbagliate, questa corsa rischia di arrestarsi, trascinando con se tutto l’indotto legato al settore turistico e tutti i paesi limitrofi come Turi, Conversano, Putignano, che beneficiano per propagazione di questa crescita positiva”.

E chi potrebbe arrestare questa corsa?

“Chi non ha esperienza nel settore!”. L’imprenditore Boccardi, leader ed esperto della ristorazione per matrimoni e grandi ricevimenti, non nasconde una certa inquietudine nei confronti di alcuni movimenti politici. Per questo, anche dalla capitale segue costantemente gli sviluppi della campagna elettorale polignanese, nell’interesse di tutto il territorio del Sud Est di Bari che vive una stagione positiva grazie alle affluenze turistiche.

“Le ‘invasioni’ sono positive”

Il nostro colloquio con un esperto della ristorazione, e profondo conoscitore del territorio come Michele Boccardi, conferisce al dibattito sul turismo un sapore più autorevole e bonificato dalle scorie della demagogia politica locale dilagante in questi mesi. I politici si azzuffano per racimolare voti, raccontando una realtà che, dalla scrivania di chi questo mestiere lo coltiva da decenni, appare sotto una trama diversa, più complessa rispetto all’analisi riduttiva della politica locale.

Ad esempio, le invasioni di avventori, non propriamente turisti (quelli del gelato e della focaccia mordi e fuggi), che tanto hanno acceso il confronto locale, per un imprenditore navigato come Boccardi sono un fatto positivo, che fa bene al turismo, che fa girare il buon nome del nostro territorio e che ci interroga. “Mancano i posti letto – fa notare Boccardi – quando si lamenta questa cosa a Polignano, è assolutamente vera. E Polignano ormai è la Positano della Puglia, che trascina in positivo tutto il resto del territorio. Tanto sono positivi questi flussi massicci, che non a caso nell’hinterland di Polignano si stanno aprendo tante strutture ricettive, b&b e ristoranti. Ma il problema ora è che non mancano solo i posti letto, mancano anche i ristoranti!”. L’offerta insomma non è mai abbastanza. Si può solo crescere; la Ferrari è in piena corsa e viaggia a velocità sostenuta. E per questo certi commenti sparati senza cognizione del fenomeno economico e sociale in atto, potrebbero costituire un freno. Immaginiamoci se si dovesse poi andare al governo… la responsabilità è tanta e sono in ballo decenni di investimenti.

Confindustria va a nozze…

Intanto, prosegue il lavoro di squadra tra gli imprenditori del settore ricevimenti, coordinati proprio da Michele Boccardi e federati in Confindustria. “L’obiettivo è dare identità al settore e fare rete”.

Boccardi ci illustra solo alcuni dei tanti problemi del “wedding” (matrimoni): ci sono sale che chiudono d’inverno e pagano la tassa rifiuti per tutto l’anno, una vera stangata. Inoltre su 1200 richieste di matrimoni dall’estero, il 38% si festeggiano in sale ricevimenti della Toscana; è in questa regione che i wedding planner trovano una migliore organizzazione. Bisogna spostare l’asse anche sulla Puglia, ormai appetibile sotto tutti i punti di vista: cucina, territorio, qualità e ambiente, varietà dei paesaggi naturalistici e architettonici.

Modesto Scagliusi bacchetta Briatore!

Uno degli imprenditori leader della ristorazione e del “wedding” è l’imprenditore polignanese Modesto Scagliusi, patron della Grotta Palazzese di Polignano (location dove, tra l’altro, la moglie di Mario Draghi – presidente della Banca Centrale Europea – vuole celebrare le nozze d’oro). Scagliusi potrebbe essere un membro perfetto e rappresentativo di questa nuova sezione “wedding” di Confindustria. L’imprenditore polignanese alcuni giorni fa, dalle pagine del Corriere ha spento la polemica innescata da Briatore, che ha abbandonato il progetto Twiga in Salento. “Carissimo Briatore, la Puglia non è un limone da spremere”. “La nostra forza è proprio il territorio” – conclude Boccardi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI