Sabato 21 Ottobre 2017
   
Text Size

Sei di Turi se... ci si aiuta a vicenda

ft

Da quando, non più di una decina di anni fa, il social Facebook ha avuto la sua massima diffusione, in quasi ogni paese si sono creati i gruppi "Se di... se...": una vera moda, alla quale la nostra zona ha aderito. A Turi, il gruppo "Sei di Turi se..." si è consolidato come spazio per confrontarsi su temi di politica, attualità, ma anche solo per rafforzare rapporti sociali. Alle volte, come è accaduto questa settimana, il gruppo assume una valenza di pubblica utilità. Nei giorni immediatamente precedenti al giorno di Pasqua il gruppo si è rivelato una manna dal cielo per i turesi.

Il cagnetto scomparso

Il primo caso riguarda un cagnetto scomparso lungo la via di Monte Sannace. Il cagnetto, un maltese di nome Happy, è stato smarrito sabato 15 aprile scorso. La segnalazione è partita dal gruppo "Vicino a un cuore che offre c'è sempre un cuore che ama", gruppo filiazione di "Se di Turi se..." dedicato agli animali domestici. Grazie alle segnalazioni via Facebook dei turesi, Happy è stato ritrovato dopo appena ventiquattro ore.

L'orecchino smarrito

Anche per situazioni del quotidiano, il gruppo questa settimana è stato davvero utile. Ne sa qualcosa una signora che aveva perso un orecchino d'oro. Un'onesta turese ha postato la foto dell'orecchino chiedendo se qualcuno l'avesse smarrito... e subito la proprietaria si è fatta viva.

Se pur qualche volta il gruppo diventa teatro per dare sfogo al lato più intransigente dei turesi, altre volte capita l'esatto contrario, rivelandosi valido strumento per aiutarsi reciprocamente. Perché la modernità non ha solo lati negativi e questi due casi ne sono la prova.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI