Sabato 16 Dicembre 2017
   
Text Size

Raccolta Differenziata e Materia Prima Secondaria

rifiuti soldi

 

Ancora oggi si sente parlare chiunque, compreso chi della politica ha fatto una professione, di raccolta differenziata di rifiuti. Forse il termine “rifiuti” è utilizzato dai politici proprio per fare entrare nella mente del cittadino che i rifiuti, anche se differenziati, sono qualcosa di cui disfarsi e, per disfarsene, bisogna pagare.

Nulla di più sbagliato, di rifiuti produciamo solo il sacchetto dell’indifferenziato ed i nostri politici sanno benissimo che noi solo per quello dovremmo pagare circa € 150,00 a tonnellata. Avete capito bene, a tonnellata. Vi sfido a produrla in un anno. Del resto produciamo organico, che in 8-10 mesi diventerà fertilizzante e produrrà denaro; vetro, carta, plastica e alluminio che rientrano tra le Materie Prime Secondarie (MPS) e che raccogliendo oggi si monetizzano in 4-5 mesi.

Le MPS altro non sono che materie prime le quali possono essere sostituite a materie prime primarie senza alterare il ciclo di produzione. Bene ha fatto il legislatore ad individuare tra le altre sue caratteristiche la seguente: “abbiano un effettivo valore economico di scambio sul mercato”.

Allora, scusate, noi cittadini non siamo altro che imprenditori falliti. Produciamo organico, carta, vetro, plastica, alluminio, ed invece di guadagnarci nella vendita paghiamo per disfarcene, con il risultato che pochi si arricchiscono sulle spalle di tutti. Il compost e la Materia Prima Secondaria diventa la materia prima della società di raccolta come la farina per il fornaio, con la differenza che il fornaio la farina la compra, produce il pane e lo vende; mentre la società di raccolta viene pagata per raccogliere Materia Prima Secondaria, non ha spese di trasformazione e la rivende guadagnandoci per la seconda volta.

Ed in tutto questo inseriamoci il porta a porta, così abbiamo anche la scusa per far lievitare i costi.

Mi scusi Sindaco, mi scusi Assessore Palmisano e scusatemi Voi politici tutti, non scriverò il mio nome proprio affinché non venga infangato dalla politica, dal momento che non sono un personaggio pubblico e che, ahimè, a tutti i livelli e tutti gli schieramenti non merita grande rispetto, ma credete veramente di avere a che fare con gente totalmente “ignorante” in quanto priva di cognizione ed argomentazioni che si beve tutto quello che dite e fate? Ad oggi nessuno di Voi ha risposto, da uomo prima e da politico dopo, alla seguente domanda: Alla luce di quanto sopra e della raccolta porta a porta, che peraltro stanno togliendo dappertutto in quanto non porta risultati eclatanti rispetto ad altri sistemi meno dispendiosi, la TARI dal 2017 diminuisce o no? Spero il Sindaco come primo cittadino voglia rispondere pubblicamente con un secco SI o NO, correggendo quello che ancora è possibile correggere per il risparmio della collettività.

Un cittadino

Commenti  

 
e noi paghiamo
#13 e noi paghiamo 2017-01-03 16:01
E l'aro ba5 chi lo finanzia? appena fatta la determina €0,60 a persona (quasi €8000 ottomila) all'anno per avere cosa in cambio? niente solo la gestione di un appalto. Ma non abbiamo un ufficio ecologia e lavori pubblici con dipendenti già pagati? E va bene tanto un caffè non si nega a nessuno.
Citazione
 
 
un cittadino
#12 un cittadino 2017-01-03 15:38
Sembra che a B. Elefante crei problema chi la pensa diversamente da lui.... il sistema che hanno creato e che difendi come fosse una tua creatura incita al lancio del sacchetto non io mettilo bene in testa. Ho detto 1000 volte che differenziare serve ma va trovato il giusto equilibrio al giusto e trasparente costo. Difficile da capire? l'Ho riassunto. Se dopo il costo aumenta o non diminuisce come puntualmente accadrà il lancio del sacchetto lo vuole l'amministrazione comunale non io. Cambia tiro e non vedere solo siti di parte come quelli dei gestori come l'aro ba5. Del resto quale problema hai aspettiamo e vedremo quale ritorno economico avremo e dopo ognuno deciderà che farne della sua spazzatura.
Citazione
 
 
Pako
#11 Pako 2017-01-03 15:16
3)Coi cassonetti la differenziata è molto meno pura e quindi perde valore.

riportando questo punto hai riassunto tutto quello che ho scritto in 20 post in tante discussioni ma che hai sempre e continuamente smentito ovvero che questi rifiuti (chiamarli così mi fa venire l'orticaria) hanno un valore.....noi differenziamo con il fastidio di tanti contenitori da tenere in casa e loro ci lucrano....voglio il mio tornaconto se il mio lavoro meticoloso fa guadagnare qualcosa in più a chi è deputato al ritiro di queste MPS....non penso sia difficile da capire...o per qualcuno forse si?!?!? Qui non si parla di essere contrari al porta a porta ma di chi ci guadagnerà con questo sistema....e qualcuno svia l'argomento su cose futili o anacronistiche....io tiro a coppe e quello risponde a denari....mah!!!!!
Citazione
 
 
B.Elefante
#10 B.Elefante 2017-01-02 22:40
sedicente "cittadino" invece di lanciare offese gratuite che paiono confermare una indemoniata rabbia per la fine di un'epoca..... prova a leggere il piano industriale presupposto al capitolato speciale d'appalto(piano pure pubblicato sul sito dell'ARO BA5 : ci troverai decine di pagine con approfondite, documentate, nonchè verificate con riferimenti a varie regioni e provincie italiane, analisi e comparazioni sui vari sistemi di raccolta differenziata,loro efficienza ed economicità e ricadute di immissioni ambientali..
Per dirtene alcune,coi cassonetti comuni
1)Non c'è controllo su cosa ci finise dentro e su chi ne è autore ; controllo che invece è possibile col porta aporta.
2)Coi cassonetti comuni non si possono calcolare i meriti e gli sconti di tassa per chi più conferisce differenziata, cosa prevista anche nel nostro servizio.
3)Coi cassonetti la diffeenziata è molto meno pura e quindi perde valore.
E..cerca di non proseguire con l'incitamento al lancio dei sacchetti, dal losco del tuo anonimato.
Citazione
 
 
un cittadino
#9 un cittadino 2017-01-02 14:45
Con chi non riesce a mettere insieme A+B non si può discutere. B. Elefante solo le tue tesi sono esatte. Ritirati nelle tue stanze, leggi bene quel capitolato e prova a rileggere quello che è scritto ed a capire se qualche altra strada ci avrebbe fatto risparmiare come peraltro prevedeva una legge regionale. Se non ce la fai a capirlo non è colpa mia..... ripeti, ripeti e ripeti la lettura che ci arriverai. Abbiamo capito che hai stretto qualche patto col diavolo. Sarebbe il caso di usare un po' di tatto senza offendere altrimenti pan per focaccia...... E ce ne sarebbero...... Esterna le tue idee e basta ormai la tua posizione resta tua e quella degli altri resta tale..... Ne riparliamo con l'uscita delle cartelle della TARI e quando quei ligi cittadini si stancheranno e comincerà il lancio selvaggio..... Parli di cittadini incivili. Ad oggi gli incivili insieme a quelli che lanciano il sacchetto sono quelli come te che difende chi vuol mettere le mani nelle nostre tasche senza rendere pubblici i conti e metterci la faccia senza rintanarsi negli uffici comunali.
Citazione
 
 
fattore k
#8 fattore k 2017-01-02 11:48
X "un cittadino" te la sei già mezza data la risposta.. non si abbassa e (anzi) o subito o al prossimo giro..si alza!!!
Citazione
 
 
B.Elefante
#7 B.Elefante 2017-01-02 01:55
E ANCORA ESTERNAZIONI IN LIBERTA'
Anonimo cittadino, ma cosa racconti?
--Vuoi un centro raccolta raggiungibile a piedi dentro il paese?
E.... lo vuoi vicino a casa tua? Hai chiesto ai tuoi vicini?
--Vuoi risparmiare le spese per la pulizia post mercato,e vuoi sapere quanto spende il comune?
Non hai ancora letto il capitolato pubblicato da anni sul sito dell'ARO che prevede la pulizia del mercato compresa nel canone?
--Vuoi sapere perchè il comune vorrebbe comprare il centro raccolta?
Non sai che il comune per porlo( come previsto dal contratto) a disposizione della ditta deve pagare un affito a quello che dai passati(Menino incluso) amministratori è stato fatto divenire proprietario di un immobile che doveva al massimo essere dato in concessione al gestore dei rifiuti?
Tu preferiresti pagare il fitto a vita o essere padrone della tua casa?
--E non hai mai sentito parlare di spreco di suolo necessario per un secondo immobile?
--E di spreco di risorse qualificate?
--E di quel che, lasciato libero dai rifiuti urbani, potrebbe fare Catucci,abilitato (dai politici della provincia) anche per i rifiuti speciali(industriali...) provenienti da ogni dove?
E a quel punto chi affronta la questione, invero alquanto intricata?
Forse i "cittadini non pubblici" ovverosia inesistenti?
O Menino? Il quale è già assai che riesce a mantenere nelle funzioni per cui è sorta l'attuale isola.
Citazione
 
 
B.Elefante
#6 B.Elefante 2017-01-02 01:25
Quanti sacchetti sono stati buttati in strada nelle periferie? Diciamo trecento, quattrocento, da parte di chi diciamo che lo ha fatto più di una volta, diciamo tre o quattro volte in questo primo mese.
Quindi ci sono cento utenti su quattromila se ben ricordo, che trasgediscono.
Ebbene è il 97,5% che si deve adeguare al 2,5% che trasgredisce, o sono i trasgressori che devono adeguarsi al 97,5% che ha immediatamente saputo attivare il porta a porta?
E siamo al primo mese quando è comprensibile che ci possano essere getti dovuti a situazioni iniziali destinate a rientrare nelle regole.
Qualcuno potrebbe obiettare che non sono 100 ma 400 i trasgressori. Meglio ancora in tal caso perchè ogni trasgressore nel mese trascorso ha abbandonato una sola busta: ciò che evidenzierebbe ancor più chiaramente che trattasi di inadempienza occasionale nell'ambito di regolare comportamento; inadempienza quindi destinata a scomparire in breve, specie se scatta qualche sanzione(sono 600 euro minime...) atta a rendere di gran lunga non conveniente il vantaggio dell'abbandono rispetto al rischio.
Quindi i quattro gatti recalcitranti la smettano di lamentarsi e fare previsioni-incitamenti al getto selvaggo al fine di legittimare la propria indolenza
Nella vita bisogna arare, anche per i rifiuti. Pensino a quanti, tanti, non hanno nulla da far avanzare e buttare.
Citazione
 
 
un cittadino
#5 un cittadino 2016-12-31 11:35
x B.Elefante di certo c'è solo un milione e mezzo di euro da pagare per la raccolta all'anno a cui vanno ad aggiungersi il costo per lo smaltimento dell'indifferenziata, il costo per le pulizie straordinarie per le periferie che ad oggi sono discariche e sottratta l'incognita della vendita della MPS le cui pesate non controlla nessuno del Comune. MA A CHI VUOI PRENDERE IN GIRO B.Elefante. Perchè non si attua un sistema misto come il comune di Massafra che abbatte i costi delle pulizie straordinarie compresa quella del giorno di mercato? Le pulizie straordinarie servono a far lievitare i costi? Perchè l'assessore o il sindaco non rendono pubblici e chiari i conti se non altro sul sito istituzionale? B.Elefante fatti da parte che fai una figura migliore.
x il gabbiano nessuno dice di non differenziare basta trovare un metodo che venga incontro ai cittadini se non dal punto di vista del risparmio almeno per la qualità di vita. Vi sognate che tutto il paese stia là a fare la tarantella col bidone dentro fuori, bianco verde. Chi non vuole differenziare non differenzia ed è impossibile beccare tutti sul fatto. Ed allora perchè non istituire un sistema misto che arginerebbe il lancio della busta con notevole riduzione di costi e qualità di vita per tutti???????? il sistema è già in uso a Massafra. Meditare gente meditate e prima di offendere pensateci più volte. Se voi mettete il vostro nome vi ritenete personaggi pubblici io non lo sono e non lo sarò mai e per questo sono legittimato a restare nell'anonimato. Dopo venitemi a spiegare perchè il comune vuole comprare il centro di raccolta esistente totalmente fuori mano e scomodo da raggiungere per chi non ha un'auto invece di crearne un'altro più funzionale e più vicino al paese. e non ditemi che si risparmia perchè quella è una tarantella peggiore della raccolta porta a porta. E che sia ben chiaro, nessuno stà affermando che non bisogna differenziare
Citazione
 
 
il gabbiano
#4 il gabbiano 2016-12-30 22:13
ha fatto proprio bene questo anonimo !saputello" ad omettere il suo nome perché altrimenti avrebbe fatto conoscere a tutti la sua assoluta ignoranza e dabbenaggine mascherata, purtroppo, da una malcelata parvenza di conoscenza delle questioni legate al problema dei rifiuti.
il nostro amico proprio non merita di essere considerato un civile cittadino in quanto trascura completamente le dovute valutazioni sui costi necessari alla raccolta, stoccaggio, differenziazione, trasporto, vendita e costi di discarica di tutti i prodotti non vendibili.
Vorrei solo ricordare che con un sistema di raccolta tradizionale (la raccolta comunque costa) si raggiungono percentuali di differenziato di circa il 20% e quindi tutto il resto va conferito in discariche le quali purtroppo costano alla intera società in termini di costi collettivi (e quindi attribuibili comunque a ciascuno di noi. questo si aggiungano le problematiche legate all'esaurimento delle discariche che non vengono accettate da nessuno!!!!(chissà perché) con conseguenti inimmaginabili problemi di inquinamento delle falde e del nostro territorio. aggiungiamo che riciclare materiali qualificati (vetro, metalli, carta, ecc. comporta una sapiente riduzione delle risorse mondiali il cui esaurimento non è percepibile immediatamente dalle nostre misere e limitatissime tasche e tanto meno dalle menti di coloro che, sostenendo tesi di questo genere dimostrano ancora una volta di non meritare di essere chiamati "cittadini" di una società evoluta ma di stare meglio in una società primitiva nella quale vale solo quanto è possibile vedere e valutare nella propria grotta di residenza.
Citazione
 
 
B.Elefante
#3 B.Elefante 2016-12-30 15:55
Prima i commenti anonimi ora gli articoli anonimi di questa persona che parla senza nemmeno leggere le condizioni dell'appalto che prevede l'introito nelle casse comunali di quanto ricavato dalla vendita della differenziata vendibile.
E questa si che è ignoranza grossolana inescusabile, dopo che la cosa è stata chiarita più volte.
Così come è stato chiarito che è impossibile prevdere quanti e quali rifiuti differenziati saranno prodotti e venduti nel 2017!
Invece di ventilare generiche lamentazione questa persona provi ad occuparsi(da cittadino che si firma e non da fantasma le cui asserzioni non hanno alcun valore giuridico) delle questioni concrete ed attuali da cui dipende il coto del servizio e delle tasse, come ad esempio la pesata dei carichi giornalieri. Prenda esempio dai tanti, giovani, donne e anziani, che le porprie dichiarazioni le sottoscrivono ogni giorno nei social network, ed esca dalle secche dell'anonimato da vittime di regimi dittatoriali; abbia il coraggio di fare il cittadino: che.. non l'ammazza nessuno!
Citazione
 
 
xUn cittadino
#2 xUn cittadino 2016-12-30 10:58
Lei ha completamente ragione ... in un sistema avanzato (tipo Germania, Danimarca etc.)
Per arrivare ad una indifferenziata del 3-4% occorre passare prima dalla cura di cavallo del porta a porta e poi dopo 15-20 anni si potrà procedere oltre.
Intanto Turi continuerà a pagare il massimo dell'ecotassa.
L'unico modo per scendere ai minimi è andare oltre il 65% di RD.
Se lei conosce un sistema diverso dalla PAP che può portare questo risultato, lo proponga.
Citazione
 
 
gian...
#1 gian... 2016-12-30 10:20
non risponderà nessuno.. sono trincerati per i "regali" di Natale......
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI